Mostra Manlio Rho. Sintesi dell’astratto. La pittura di Manlio Rho e il suo archivio - Como

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 05/12/2021 Aggiornato il 05/12/2021
Dal al
Como (CO)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le notizie pubblicate sono verificate fino alla data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia e al peggioramento della situazione contingente, possono subire modifiche legate a nuove restrizioni richieste per legge, anche a livello locale e regionale.

Regione: Lombardia
Luogo: Pinacoteca Civica di Como, via Diaz 84
Telefono: 031/252472
Orari di apertura: 10-18. Lunedì chiuso
Costo: 5 euro; ridotto 3 euro
Dove acquistare: prenotazione obbligatoria: pinacoteca@comune.como.it
Sito web: www.visitcomo.eu
Organizzatore: Pinacoteca Civica di Como in collaborazione con Archivio Manlio Rho
Note:
La Pinacoteca Civica di Como ospita la mostra dedicata a Manlio Rho (Como, 1901 - 1957) in occasione dei 120 anni dalla nascita dell’artista.
La mostra nasce dal patrimonio dell’Archivio Rho, conservato dalla famiglia dell’artista, in particolare dal figlio Enzo e dal nipote Giovanni, e approfondisce le peculiarità della pittura astratta di Manlio Rho attraverso alcune opere esemplari con studi e varianti, facendo emergere il “metodo” attraverso il quale giunge a definire l’equilibrio del colore e delle forme presenti nelle sue composizioni.

Un metodo basato sulla regola geometrica e sullo studio dei capolavori del passato, della storia dell’arte, delle ricerche dell’Astrattismo europeo e delle arti applicate, in primo luogo il disegno per la moda.
In esposizione non solo dipinti ma anche schizzi, lucidi e varianti delle opere su tela, così come gli studi sul colore che fanno tesoro della documentazione inedita del progetto realizzato per conto dell’Ente Moda di Torino, rielaborazione e sintesi dei colori usati dagli artisti nelle varie epoche.

Una sala propone la ricostruzione dello studio di Manlio Rho attraverso oggetti e documenti, presenti nel suo archivio e i mobili disegnati da lui stesso: su quegli scaffali e librerie sono esposti libri, fotografie e riviste nazionali e internazionali che mostrano la varietà delle fonti del suo lavoro e l’attrattività che questo luogo aveva per gli amici e per i compagni del suo percorso artistico.

In contemporanea, in Campo Quadro, lo spazio contemplativo al primo piano della Pinacoteca, sarà possibile ammirare un autoritratto dell'artista del 1921, proveniente sempre dall'Archivio Rho, in una sorta di incontro a tu per tu con l'artista.

All'ultimo piano di Palazzo Volpi, nella sezione Novecento, sono esposte in maniera permanente due opere di Rho, tra cui l'importante Composizione 50/218, olio su compensato del 1950 esposta alla VI Quadriennale d'arte nazionale di Roma, come testimoniato dall'attestato di partecipazione presentato tra i documenti esposti nell'ultima sala della mostra.

L’esposizione è curata da Elena Di Raddo in collaborazione con Archivio Manlio Rho, l’allestimento è a cura dell’architetto Paolo Brambilla.
Manlio Rho. Sintesi dell’astratto. La pittura di Manlio Rho e il suo archivio
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com