Mostra Luca Pignatelli. In un luogo dove gli opposti stanno - Firenze

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 28/11/2019 Aggiornato il 28/11/2019
Dal al
Firenze (FI)
Regione: Toscana
Luogo: Galleria Poggiali, via della Scala, 35/A; via Benedetta, 3r
Telefono: 055/287748
Orari di apertura: 10-13; 15,30-19. Domenica e lunedì chiuso
Costo: Ingresso libero
Note:
La personale di Luca Pignatelli (Milano, 1962) si snoda nei due spazi della Galleria Poggiali, in via della Scala e via Benedetta, dove presenta una serie di lavori inediti.

Le opere sono costruite con teloni pesanti tagliati a strisce e pezzature di dimensioni varie, ricucite assieme. I supporti sono in diversi casi marchiati da scritte e cifre di matrice industriale. Elementi grafici che dichiarano un’appartenenza e una provenienza. Testi che ricordano epigrafi o dediche sui monumenti e nei dipinti antichi.

I teloni sono monocromi, superfici mai piatte, dove l’immagine completa è data dalla gradazione della verniciatura, che è già un racconto e parla da sé, nonché dalle diverse sezioni geometriche del supporto ricomposte in unità visiva e espressiva, come patchwork secondo una usanza domestica di riciclo e risparmio, in voga fin dai primordi.

A questi teloni, carichi di un rosso iodio o di verde petrolio, oppure del colore della malva o della prugna, si aggiungono altri lavori pittorici realizzati sempre con teloni ferroviari coperti però in questo caso da una pittura metallica color argento.

All’aspetto moderno dei teloni monocromi si contrappone questo modernista dell’allumino. La superficie in questi casi è diversamente luminosa ed è lavorata con segni grafici, incisioni e abrasioni.

Al centro dell’opera è fissata con un procedimento meccanico una testa eroica, di imperatore romano. Sono quadri monumentali non per dimensioni ma per scelta poetica e iconografica. Nel primo caso invece il tono alto e imponente è dato dalla scelta del monocromo e del linguaggio astratto.

La combinazione in mostra delle due opposte fazioni espressive è vincente. La povertà dei teloni ha il suo peso, il materiale porta con sé una sua storia. L’astratto, in definitiva, non è tale.

Il titolo della mostra, a cura di Sergio Risaliti, lascia intendere come il campo dell’arte, e in particolare quello della pittura, sia quel luogo - nel mondo e nella realtà - “in cui gli opposti stanno”.


AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com