Mostra Luc Tuymans – La Pelle - Venezia

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 01/04/2019 Aggiornato il 01/04/2019
Dal al
Venezia (VE)
Regione: Veneto
Luogo: Palazzo Grassi, campo San Samuele 3231
Telefono: 041/5231680; 041/2401347
Orari di apertura: 10-19. Martedì chiuso
Costo: 18 euro; ridotto 15 euro, biglietto unico per visitare le mostre di Palazzo Grassi e Punta della Dogana
Note:
La prima mostra personale in Italia di Luc Tuymans (Mortsel, Belgio, 1958) è ospitata a Palazzo Grassi nell’ambito del programma di monografiche, dedicate a grandi artisti contemporanei, che dal 2012 a oggi si alternano a esposizioni tematiche della Pinault Collection.
Il percorso, incentrato sulla produzione pittorica dell'artista, presenta una selezione di dipinti, 80 opere, realizzate dal 1986 a oggi, provenienti dalla Collezione Pinault e da musei internazionali e collezioni private.

Il titolo della mostra “La Pelle” è stato proposto dall’artista ed è ispirato al romanzo eponimo dello scrittore italiano Curzio Malaparte (1898-1957), pubblicato nel 1949. L’allestimento non segue un ordine cronologico, ma intende offrire nuovi confronti e riflessioni sulle questioni fondamentali affrontate dall’artista nella sua produzione pittorica.
Considerato uno degli artisti più influenti nel panorama internazionale, Luc Tuymans si dedica alla pittura fin dalla metà degli anni Ottanta e lungo tutta la sua carriera contribuirà alla rinascita del medium pittorico nell’arte contemporanea. Le sue opere trattano questioni del passato e della storia recente, ma anche soggetti quotidiani attraverso un repertorio di immagini provenienti dalla sfera personale e pubblica - dalla stampa, dalla televisione o dal web.

La mostra, curata da Caroline Bourgeois in collaborazione con Luc Tuymans, comprende un'opera site specific, realizzata in situ per l’atrio di Palazzo Grassi: un mosaico in marmo di oltre 80 mq che riproduce Schwarzheide, l’opera dipinta dall’artista nel 1986. Dal nome del campo di concentramento tedesco, l’opera riprende un disegno realizzato da un prigioniero nel corso del suo periodo di detenzione durante la Seconda guerra mondiale. Il mosaico è l’unica opera non pittorica presente in mostra.

Nel campo di lavori forzati in Germania, alcuni detenuti realizzavano segretamente disegni che tagliavano poi a strisce per farli sfuggire alla confisca. In questo modo il soggetto poteva essere compreso solo ricomponendone le parti ritagliate. L’originale del disegno riprodotto da Luc Tuymans è opera di Alfred Kantor, un sopravvissuto alla Shoah e mostra la foresta che circondava i campi per nasconderli agli occhi degli abitanti dei dintorni. In questo modo il soggetto poteva essere compreso solo ricomponendone le parti ritagliate.
Il mosaico è stato realizzato da Fantini Mosaici, è composto da oltre 200.000 tessere in marmo tranciate a mano e assemblate dagli artigiani della storica azienda milanese.
Luc Tuymans – La Pelle
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com