Mostra Longobardi. Un popolo che cambia la storia - Pavia

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 24/08/2017 Aggiornato il 05/11/2018

Una mostra che per gli studi scientifici svolti, l'analisi del contesto storico italiano, mediterraneo ed europeo, per i materiali esposti di altissimo livello, quasi totalmente inediti, e per le modalità espositive si può definire "epocale". Una collaborazione internazionale fra i Musei Civici di Pavia, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo, è alla base della realizzazione di questo importante evento, punto di arrivo di oltre 15 anni di nuove indagini archeologiche, epigrafiche e storico-politiche su siti e necropoli altomedievali. Con l'appoggio e la collaborazione fattiva del Mibact la mostra, dopo il Castello Visconteo di Pavia, si terrà al MANN di Napoli dal 15 dicembre al 25 marzo 2018 e al Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo da aprile a fine giugno 2018 .  Le opere esposte sono più di 300, i siti e i centri longobardi rappresentati in mostra sono 32, i corredi funerari esposti integralmente 58 e 3 sono le cripte longobarde pavesi, appartenenti a soggetti diversi, aperte per la prima volta al pubblico in un itinerario apposito. Le opere provengono da più di 80 tra musei e enti prestatori e sono oltre 50 gli studiosi coinvolti nelle ricerche. La mostra, curata da Gian Pietro Brogiolo e Federico Marazzi con Ermanno Arslan, Carlo Bertelli, Caterina Giostra, Saverio Lomartire e Fabio Pagano, con la direzione scientifica di Susanna Zatti, Paolo Guglierini e Yuri Piotrovsky, offre una visione complessiva (dalla metà del VI secolo, dalla presenza gotica in Italia, alla fine del I millennio) del ruolo, dell'identità, delle strategie, della cultura e dell'eredità del popolo longobardo che nel 568, guidato da Alboino, varca le Alpi Giulie e inizia la sua espansione in terra italiana, diventata crocevia strategico tra Occidente e Oriente, ponte tra Mediterraneo e Nord Europa.

Dall' al
Pavia (PV)
ATTENZIONE
Le mostre nelle Regioni che si trovino in zona gialla possono essere aperte con modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ), che è bene verificare direttamente con gli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Lombardia
Luogo: Castello Visconteo-Musei Civici, viale XI Febbraio 35
Telefono: 0382/399770; Sito: www.mostralongobardi.it
Orari di apertura: 10-18. Lunedì 10-13 solo su prenotazione per gruppi e scolaresche
Costo: 12 euro; ridotto 8 euro
Longobardi. Un popolo che cambia la storia
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com