Mostra L’imbrunire. Roma e altrove - Roma

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 12/10/2021 Aggiornato il 12/10/2021
Dal al
Roma (RM)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Lazio
Luogo: La Nuova Pesa, via del Corso 530
Telefono: 06/3610892
Orari di apertura: 10-13,30; 16-19,30 da lunedì a venerdì
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.nuovapesa.it
Organizzatore: galleria La Nuova Pesa
Note:
La galleria La Nuova Pesa di Roma ospita la mostra fotografica di Giancarlo Pediconi (Roma,1937).
Nella Sala detta Babele saranno esposte 35 immagini di medio formato, in bianco e nero, raffiguranti scorci noti e meno noti della capitale, ma anche altri siti della Toscana, (Maremma, Val d’Orcia, Montagnola senese, ecc.), della Provenza nei pressi della Camargue.

Il momento in cui sono state scattate le foto è sempre quello del crepuscolo, quando il giorno muore, e le ombre che avanzano, prima di diventare buio, sembrano essere cariche di mistero come non mai. Un momento temporale preciso, dalla durata per altro brevissima, che è anche un momento evocativo, fortemente emotivo, per l’autore degli scatti e per noi.

Le immagini, digitali, sono state scattate da Pediconi con una Leica M10 MONO, nel corso di questi 2 ultimi anni. Il bianco e nero enfatizza “l’imbrunire” del momento in cui sono state scattate, fa risaltare in modo drammatico le superfici, così i giochi della Roma Barocca acquistano potenza nell’alternarsi dei chiari e degli scuri, gli animali che popolano le fontane sembrano prendere vita e imparare movimenti nuovi, persino i sanpietrini o l’asfalto bagnato acquistano una loro matericità, che fa quasi pensare alla pittura.

Mentre la natura, che non riflette la luce, diventa qualcosa di immenso e scuro, o merletto traforato di un rado fogliame, in netto contrasto con il resto negli scatti cittadini, stagliata contro il cielo in quelli dove è lei a predominare.
L’imbrunire. Roma e altrove
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com