Mostra L’Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio - Forlì

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 11/02/2018 Aggiornato il 11/02/2018

La mostra documenta uno dei momenti più affascinanti della storia occidentale. Gli anni che intercorrono idealmente tra il Sacco di Roma, nel 1527 e la morte di Caravaggio, nel 1610; tra l'avvio della Riforma protestante, tra 1517 e 1520, e il Concilio di Trento, tra 1545 e 1563. L'esposizione ruota intorno ai grandi temi di un secolo che ha visto convivere il tramonto del Rinascimento e il procedere di un nuovo orizzonte con grandi capolavori del Manierismo. L’istanza alla Chiesa di Roma di un maggiore rigore spirituale, se da un lato produceva una rinnovata difesa delle immagini sacre, dall’altro imponeva una diversa attenzione alla composizione e alla raffigurazione delle immagini, e a una ridefinizione dello spazio sacro e dei suoi ornamenti. Si sviluppano così scuole e orientamenti nuovi, dal risultato del modellato cromatico di Tiziano, al naturalismo di Carracci. Ma è anche la vita quotidiana che si affranca dai bagliori del Rinascimento. Si avverte una “temperatura sentimentale” che pare interpretare il nuovo senso del Concilio tridentino che deve parlare a tutti i cuori creando una nuova forma di pietà e di devozione, con l’esaltazione della figura mariana, dei primi martiri e dei nuovi santi, come Francesco d’Assisi. In Italia la battaglia più impegnativa per il dipingere e per il vivere moderno si combatte nella pittura di commissione sacra. Il protagonista di questa lotta è soprattutto Caravaggio. Egli tenta una innovazione radicale del suo significato religioso come fatto di religione profondamente popolare. Tra le opere esposte si ammirano quelle di altri grandi artisti come Raffaello, Rosso Fiorentino, Lorenzo Lotto, Pontormo, Sebastiano del Piombo, Correggio, Bronzino, Vasari, Daniele da Volterra, El Greco, i Carracci, Federico Barocci, Veronese, Tiziano, Federico Zuccari, Guido Reni, Domenico Beccafumi, Giuseppe Valeriano e Scipione Pulzone.

Dal al
Forlì (FO)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Emilia Romagna
Luogo: Musei di San Domenico, piazza Guido da Montefeltro 12
Telefono: 199/151134; 0543/36217; Sito: www.mostraeternoeiltempo.it
Orari di apertura: 9,30-19; sabato e domenica 9,30-20. Lunedì chiuso
Costo: 14 euro; ridotto 12 euro, inclusa la visita ai Musei
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com