Mostra LEONARDO, PRIGIONIERO DEL VOLO - Milano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 04/12/2019 Aggiornato il 04/12/2019
Dal al
Milano (MI)
Regione: Lombardia
Luogo: Palazzo Morando | Costume Moda Immagine, via Sant'Andrea 6
Telefono: 02/22198832
Orari di apertura: 9-13; 14-17,30. Lunedì chiuso
Costo: Ingresso libero
Note:
In occasione del 500esimo anniversario dalla morte di Leonardo da Vinci, Palazzo Morando | Costume Moda Immagine ospita la mostra che intende rendere omaggio al simbolo del Rinascimento, alle sue opere e invenzioni patrimonio dell’immaginario collettivo, attraverso una selezione di pezzi unici la cui realizzazione sposa la finalità artistica a quella sociale.

Trenta abiti di alta sartoria, vere e proprie “sculture di tessuto” ispirate al genio di Leonardo, sono stati realizzati dagli artigiani della grande moda italiana, artisti e pittori e da un gruppo di detenuti della Casa di reclusione Milano-Bollate, impegnati in progetti sartoriali e dagli allievi dell’istituto Il Teatro della Moda.

Tutti gli abiti esposti saranno messi all’asta a sostegno della Casa Sollievo Bimbi, il primo hospice pediatrico in Lombardia per l’accoglienza di minori gravemente malati e il sostegno alle loro famiglie, aperto a aprile 2019 da VIDAS, associazione che da 37 anni offre gratuitamente cure e assistenza ai malati inguaribili.

Inserita nel palinsesto “Leonardo 500”, organizzata dalla II Casa di Reclusione di Milano Bollate e in collaborazione con Palazzo Morando | Costume Moda Immagine, Comune di Milano, la mostra è un viaggio attraverso la creatività leonardesca in ogni suo aspetto, dalle geometrie ai materiali, dall’audacia della creazione al sogno, irrealizzabile, del volo che fu prigione per l’uomo e l’artista in una circolarità d’intenti che unisce moda, arte e sociale.

Alla realizzazione della mostra hanno contribuito anche la onlus Catena in Movimento, a capo del laboratorio sartoriale presente all’interno della II Casa di Reclusione di Milano Bollate e Il Teatro della Moda, istituto che ha messo a disposizione del progetto la propria consulenza tecnico artistica oltre che alcuni suoi allievi quali soggetti attivi nella creazione degli abiti.

La mostra è a cura del funzionario giuridico - pedagogico del Ministero della Giustizia del carcere di Bollate Simona Gallo.


AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com