Mostra Le realtà ordinarie - Bologna

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 27/12/2019 Aggiornato il 27/12/2019
Dal al
Bologna (BO)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte con le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Per modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) verificare sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le informazioni sono verificate prima della data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia, possono subire modifiche legate a eventuali nuove restrizioni di legge.

Regione: Emilia Romagna
Luogo: Palazzo de’ Toschi, piazza Minghetti 4/D
Telefono: 051/6571430
Orari di apertura: 16-19 giovedì e venerdì; 11-19 sabato. Chiuso domenica, lunedì, martedì e mercoledì
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: https://www.bancadibologna.it
Organizzatore: Banca di Bologna
Note:
La mostra di dipinti presenta il lavoro di 12 artisti:
Helene Appel (1976), Riccardo Baruzzi (1976), Luca Bertolo (1968), Andrew Grassie (1966), Clive Hodgson (1953), Maria Morganti (1965), Carol Rhodes (1959 – 2018), Salvo (1947 – 2015), Michele Tocca (1983), Patricia Treib (1979), Phoebe Unwin (1979), Rezi van Lankveld (1973).

L'esposizione intende proporre un'indagine su alcuni aspetti della figurazione del nostro tempo che si svolge a partire da una idea di rappresentazione dell’ordinario in pittura e da una serie di semplici domande: esiste ancora una spinta verso i generi classici?
In che modo i pittori possono assecondarla o eventualmente contrastarla?
Da cosa deriva la nostra attrazione, apparentemente inesauribile, per soggetti ordinari come nature morte, vasi di fiori, paesaggi, interni domestici…?

Il progetto prova dunque a tracciare i contorni di un territorio potenzialmente molto ampio: all’interno vi sono inclusi quadri di genere (o ambigui, frammentari tentativi di aderire al quadro di genere), e dipinti più ibridi, quando non proprio astratti, che partono da piccole epifanie, dall’osservazione di fenomeni e accadimenti minimi e quotidiani.

La mostra, a cura di Davide Ferri, è uno dei Main Project dell’edizione 2020 di ART CITY Bologna.


Le realtà ordinarie
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com