Mostra La vita come opera d’arte. Anton Maria Zanetti e le sue collezioni - Venezia

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 19/11/2018 Aggiornato il 19/11/2018

Una figura centrale nella storia del collezionismo veneziano nel XVIII secolo e nell’affermazione dell’arte veneta in Europa fu Anton Maria Zanetti (1679-1767), mecenate e abile mediatore di nobili e sovrani per acquisti e commissioni d’opere dei più celebri artisti in laguna, Zanetti fu tra i personaggi più influenti nel panorama culturale del tempo. Per ricordare questa straordinaria figura, la Fondazione Musei Civici di Venezia promuove un' inedita mostra che mette in luce l’attività di artista e mecenate di Zanetti attraverso testimonianze di vita, volumi, lettere, incisioni e disegni di solito non esposti per ragioni di conservazione, e opere d'arte della sua collezione, come le splendide grafiche di Tiepolo, Sebastiano e Marco Ricci o di Palma il Giovane, tuttora conservate nei musei cittadini: le Gallerie dell’Accademia di Venezia, la Fondazione Giorgio Cini, la Biblioteca Nazionale Marciana, le sedi civiche veneziane e alcune collezioni private.

Dal al
Venezia (VE)
Regione: Veneto
Luogo: Ca' Rezzonico, Museo del Settecento Veneziano, Dorsoduro 3136
Telefono: 848/082000; Sito: www. carezzonico.visitmuve.it
Orari di apertura: 10-19. Martedì chiuso
Costo: 10 euro; ridotto 7,50 euro
La vita come opera d’arte. Anton Maria Zanetti e le sue collezioni
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l'esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.