Mostra La vetreria M.V.M. Cappellin e il giovane Carlo Scarpa 1925-1931 - Venezia, Isola di San Giorgio Maggiore

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 18/09/2018 Aggiornato il 18/09/2018

Dedicata alla vetreria M.V.M. Cappellin & C., fondata da Giacomo Cappellin nel 1925, la mostra autunnale mette in luce attraverso 200 opere l'importanza della vetreria a Murano tra gli anni Venti e l'inizio degli anni Trenta, grazie anche all'intervento del giovane architetto veneziano Carlo Scarpa. La mostra, curata da Marino Barovier, racconta la vita della fornace proprio negli anni in cui Scarpa collaborò con la ditta, assumendo una certa autonomia nella progettazione dei modelli, che si distinsero soprattutto per il ricorrere delle forme geometriche. La collaborazione continuò fino alla chiusura dell'azienda, fallita all'inizio del 1932, anche per la situazione economica sfavorevole seguita alla crisi americana del 1929. Durante la sua attività la vetreria si qualificò come la migliore vetreria di Murano, realizzando una produzione di qualità eccezionale, sia per i tessuti vitrei impiegati, dai vetri trasparenti ai vetri opachi, sia per il design degli oggetti, caratterizzato da un'elegante modernità. Tra gli oggetti esposti anche alcuni animali dal disegno giocoso come pesci e polipi e due coloratissime vetrate in vetro muranese. La mostra è prodotta dalla Fondazione Giorgio Cini onlus e Pentagram Stiftung.

Dal al
Venezia, Isola di San Giorgio Maggiore (VE)
Regione: Veneto
Luogo: Le Stanze del Vetro, Fondazione Giorgio Cini, Isola di San Giorgio Maggiore
Telefono: 041/5229138; Siti: www.lestanzedelvetro.org; www.cini.it
Orari di apertura: 10-19. Mercoledì chiuso
Costo: Ingresso libero
La vetreria M.V.M. Cappellin e il giovane Carlo Scarpa 1925-1931
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l'esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.