Mostra La verità delle rose tardive. Claudia De Luca - Venezia

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 11/10/2022 Aggiornato il 11/10/2022
Dal al
Venezia (VE)
Regione: Veneto
Luogo: Spazio espositivo artespaziotempo, Campo del Ghetto Nuovo Cannaregio 2877
Telefono: 348/9009273
Orari di apertura: 10-13; 14-18. Domenica e lunedì chiuso
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: https://artespaziotempo.it/
Organizzatore: Spazio espositivo artespaziotempo
Note:
Terza tappa di un ciclo di esposizioni tra Milano e Venezia, il progetto ospitato da artespaziotempo risulta un punto di approdo di una ricerca personale dell’artista Claudia De Luca, indirizzata verso una rinascita raccontata e vissuta attraverso la sua pratica.

La prima mostra era nel segno della precarietà (La tenerezza inganna da artespaziotempo); la seconda ha portato vento di scirocco (Le camere dello scirocco alla Basilica di San Celso); la terza permetterà di inoltrarsi in un giardino luminoso. Un giardino onirico, un luogo che non esiste ma fa bene a tutti immaginarlo e che l’artista crea nelle sale di artespaziotempo.

Un giardino di rose tardive che nascono fuori stagione, in momenti climatici difficili e non idonei al naturale sviluppo del fiore. Sono le rose che resistono ed insistono, che si danno una possibilità sempre, soprattutto in momenti nei quali gli andamenti ritmici interiori sembrano vacillare.

Per questo progetto l’artista parte da una riflessione, ispirata da un brano tratto dal “Deserto” di Camus, sulle verità che possono emergere da uno sguardo puro e libero sul mondo che ci circonda, privo di giudizio, contemplativo e radicato nel presente.

Per Camus l’intuizione arriva dalle rose tardive del Chiostro di Santa Maria Novella a Firenze, per Proust dalle madelaine a colazione. Una verità che Claudia De Luca intende come un possibile sempre aperto e mai concluso. Le rose tardive sono l’esempio di come la vita, anche nelle sue contraddizioni, ci appare comunque intensa ed è solo nell’afferrarla, nel farla propria che la possiamo riconoscere come autentica.

La mostra è a cura di Elisabetta Mero.

Dida: La linea degli apsidi, 2022, 70X70, tarlantana, cera, pigmento puro, acrilici
La verità delle rose tardive. Claudia De Luca
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com