Mostra La Passeggiata di Buster Keaton 1964-1966. Fausta Squatriti - Milano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 21/01/2019 Aggiornato il 21/01/2019
Dal al
Milano (MI)
Regione: Lombardia
Luogo: Galleria Bianconi, via Lecco 20
Telefono: 02/22228336
Orari di apertura: 10,30-13; 14,30-18,30 da lunedì a venerdì; sabato su appuntamento. Domenica chiuso
Costo: Ingresso libero
Note:
La mostra personale dell'artista Fausta Squatriti (Milano, 1941) presenta il ciclo pittorico "La Passeggiata di Buster Keaton", realizzato nei primi anni Sessanta e rimasto fino ad ora inedito. Il titolo è attinto da un’opera teatrale di Federico Garcia Lorca, dal poeta stesso definita come farsa, scritta nel 1928 dopo l’incontro con Salvator Dalì. La contraddizione tra la leggerezza della passeggiata e l’enigmatica malinconia di Buster Keaton, per l'artista è lo spunto per una raffigurazione giocosa di spazi entro i quali si dibattono figurine dai colori acidi che si narrano come diverse da quello che sono. Aggregate sulla soglia di una nuvola, si gettano nel nulla mentre la tromba del giudizio annuncia l’allegra, inconsapevole disfatta. In quei primi anni ‘60 la borghesia milanese, desiderosa di rinnovarsi, si andava liberando delle cornici intagliate, o decorate a stucco, che ornavano i quadri di famiglia, per sostituirle con il listello bianco suggerito dagli architetti. La giovane artista ne trova parecchie presso il corniciaio Viganò, se ne innamora e fa preparare i telai in funzione delle cornici. La sofisticata quanto incompresa operazione anticipa la messa in opera del Kitsch, la cui popolarità inizierà qualche anno dopo, in massima parte per lo studio che ne ha fatto Gillo Dorfles.
La Passeggiata di Buster Keaton 1964-1966. Fausta Squatriti
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l'esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.