Mostra La forma dell’infinito - Udine

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 05/01/2022 Aggiornato il 05/01/2022
Dal al
Udine (UD)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte con le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Per modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) verificare sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le informazioni sono verificate prima della data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia, possono subire modifiche legate a eventuali nuove restrizioni di legge.

Regione: Friuli Venezia Giulia
Luogo: Casa Cavazzini, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea, via Cavour 14
Telefono: 0432/1279127
Orari di apertura: 14-18 lunedì; 9-18 martedì, mercoledì e giovedì; 9-19,30 venerdì, sabato e domenica
Costo: 12 euro; ridotto 10 euro. È richiesta la prenotazione: prenotazioni@laformadellinfinito.it
Dove acquistare: www.laformadellinfinito.com
Sito web: www.civicimuseiudine.it; www.laformadellinfinito.com
Organizzatore: Comune di Udine e Comitato San Floriano di Illegio
Note:
Casa Cavazzini. Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Udine, ospita una grande rassegna di respiro europeo che propone la visione di cinquanta capolavori, molti dei quali mai visti in Italia e realizzati dai più importanti protagonisti dell’arte negli ultimi due secoli.

Attraverso le opere di pittori come
Claude Monet, Paul Gauguin, Paul Cézanne, Alfred Sisley, Henri Matisse, Dante Gabriel Rossetti, Michail Nesterov, František Kupka, Vasilij Kandinskij, Aristarch Lentulov, Natal’ja Gončarova, Odilon Redon, Maurice Denis, Jacek Malczewski, Mikalojus Čiurlionis, Nikolaj Roerich, Medardo Rosso, Umberto Boccioni, Pablo Picasso, Emilio Vedova, Ernst Fuchs, Hans Hartung e altri ancora, la mostra conduce il visitatore a riflettere su un tema fondamentale dell’esistenza: la grande domanda di infinito e trascendenza a partire dalla finitezza umana.

La bellezza del progetto e dell’idea di fondo della mostra, tracciare una strada d’arte verso l’infinito, ha convinto a concedere prestiti estremamente pregiati musei illustri e collezioni più piccole ma importanti, pubbliche e private, che già denotano la levatura dell’esposizione:
nell’elenco dei prestatori, Udine può rallegrarsi della collaborazione, fra gli altri, del Belvedere di Vienna, della collezione Peggy Guggenheim di Venezia e della Fondazione Solomon R. Guggenheim di New York, ma anche della Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma o del MART di Rovereto, della Galleria Tretyakov di Mosca e del Museu Picasso di Barcellona.

La mostra è curata da Don Alessio Geretti, sacerdote friulano.

Dida: Ferdinand Brunner (Vienna, 1870 - 1945),
Il viandante, 1908, olio su tela, Vienna, Galleria del Belvedere.
La forma dell’infinito
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com