Mostra La Carne e l’Anima - Cremona

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 27/09/2022 Aggiornato il 27/09/2022
Dall' al
Cremona (CR)
Regione: Lombardia
Luogo: Il Triangolo Galleria d’Arte, vicolo della Stella 14
Telefono: 348/7437721
Orari di apertura: 16,30-19,30 da giovedì a domenica
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.iltriangoloartgallery.com
Organizzatore: Il Triangolo Galleria d’Arte in collaborazione con Isorropia Homegallery
Note:
La Galleria Il Triangolo di Cremona ospita "La Carne e l’Anima", la mostra di Gabriele Colletto (Torino, 1972), a cura di Raffaella Colace.

Il titolo dell’esposizione, attinto dalla letteratura e dalla cinematografia, mette immediatamente a fuoco i motivi conduttori di un percorso artistico che, sperimentando e snodandosi nel tempo attraverso soggetti e tecniche diversi, sempre si muove entro lo spazio dall’umano sentire, a partire dal ritratto, al quale Colletto si dedica nella sua prima fase artistica (2007-2013).
Seducenti ritratti iperrealisti che il punto di vista ravvicinato carica di intensità espressiva e attrattiva, complici anche i giochi di ombre, gli scorci inediti e il cromatismo vivido.

In questo viaggio nel tempo Colletto, allargando la sua sfera di interesse al di là del ritratto, assume la regia di scene in cui la memoria dell’antico è talora proiettata in una dimensione onirica, a volte dissacrante e irriverente, dove personaggi bizzarri assumono le sembianze più strane o abitano contesti surreali. In questa fase entra preponderante nella produzione dell’artista il soggetto della carne, tema molto frequentato nella pittura dal ‘500 in poi dove macellai al bancone, nature morte, buoi squartati, prosciutti succulenti su tavole imbandite solleticano i sensi.

Nell’arte, dai secoli passati fino ai giorni nostri, la carne è intesa come evocatrice di vita e di morte, metafora del peccato se accostata al mangiare ‘di magro’ della Quaresima, simbolo di sofferenza e di sussistenza, oggetto del desiderio.

Colletto rimescola questi spunti, senza un intento didascalico, etico o moraleggiante che sia, ma affidando tutto alla forza delle immagini. Un approccio emotivo, più sensistico che intellettuale, considerando che nell’affrontare il tema l’artista attinge anche al proprio vissuto di operatore nel settore della lavorazione delle carni.

Dida: Gabriele Colletto, Baccanale, olio su lino, 150x120 cm, 2020.
La Carne e l’Anima
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com