Mostra Katy Castellucci. La Scuola romana e oltre - Roma

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 13/05/2021 Aggiornato il 01/07/2021
Dal al
Roma (RM)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Lazio
Luogo: Musei di Villa Torlonia, Casino dei Principi e Casina delle Civette, via Nomentana 70
Telefono: 06/0608
Orari di apertura: 9-19. Lunedì chiuso
Costo: 9 euro; ridotto 8 euro
Dove acquistare: www.museivillatorlonia.it; www.museiincomuneroma.it. L’acquisto online è obbligatorio per l’accesso di sabato, domenica e festivi entro il giorno prima
Sito web: www.museivillatorlonia.it; www.museiincomuneroma.it
Organizzatore: Zètema Progetto Cultura
Note:
La mostra presenta l’intero percorso creativo dell’artista Katy Castellucci (Laglio, Lago di Como, 1905-Roma, 1985) figura di rilievo nel panorama artistico della prima metà del Novecento e tra gli interpreti più sensibili nell’ambito della Scuola romana.

Attraverso l’esposizione di circa 60 dipinti, 10 gouaches e 30 disegni è rievocato l’ambiente artistico nel quale la pittrice si mosse e operò. Presenti in mostra tutti i temi frequenti nel lavoro dell’artista, dai ritratti ai paesaggi, dagli autoritratti alle nature morte, dai nudi femminili alle composizioni astratte.

Tra le opere più significative vanno ricordate Autoritratto alla finestra del 1935, Ritratto di Giacomino del ’37, Nudo con panno a fiori del ’43, Le sorelle del ’45 e dopo la guerra, nella fase neocubista, Autoritratto con il compasso e Cupole a Roma del ’53.

Un nucleo di opere ricostruisce inoltre l’ambiente familiare e il sodalizio con gli amici artisti, come i ritratti che le fecero Ziveri e Mafai; il delizioso dipinto La famiglia Castellucci (1934) e Katy con il bassotto (1937), entrambi di Ziveri; il ritratto che Katy fece a Titina Maselli (1942), e altri.

L’esposizione è a cura di Claudia Terenzi e Fabio Benzi.

A partire dal 2 luglio apre a Casina delle Civette in Villa Torlonia, la nuova sezione di disegni dedicati agli animali dell’artista Katy Castellucci, che completa l’esposizione dell’artista in corso al Casino dei Principi.

Questa parte dell’esposizione, dal titolo "Katy Castellucci. La Scuola romana e oltre. Gli animali", è dedicata esclusivamente alle opere dell'artista che ritraggono in particolare la figura della civetta, ma anche altri animali come cani, merli, pappagalli, daini e scimmie.
L'esposizione è a cura di Claudia Terenzi.
Katy Castellucci. La Scuola romana e oltre
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com