Mostra Jean Dubuffet e Venezia - Venezia

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 02/05/2019 Aggiornato il 07/05/2019
Dal al
Venezia (VE)
Regione: Veneto
Luogo: Palazzo Franchetti, S. Marco, 2847
Telefono: 041/2407755
Orari di apertura: 10-18. Lunedì chiuso
Costo: 13 euro; ridotto 11 euro
Note:
La mostra dedicata a uno dei più importanti artisti francesi del dopoguerra, Jean Dubuffet (Le Havre, 1901 - Parigi, 1985), è ospitata tra i saloni ricchi di storia del piano nobile di Palazzo Franchetti, prestigioso palazzo di origine quattrocentesca con affaccio diretto sul Canal Grande ed è organizzata dalla società che ha in gestione la sede espositiva, ACP, con la collaborazione della Fondazione Dubuffet e importanti prestiti di collezioni private, gallerie e istituzioni come Fondation Gandur pour l'art (Ginevra), Fondation Beyeler (Basilea), Waddington Custot (Londra).

Attraverso il ricordo delle storiche esposizioni veneziane, quelle a Palazzo Grassi nel 1964 e al padiglione francese della Biennale nel 1984, la mostra a Palazzo Franchetti presenta i tre cicli più importanti dell'opera di Dubuffet: dalla serie Célébration du sol, in cui l'artista approfondisce negli anni Cinquanta le ricerche sugli infiniti effetti della materia e a cui appartengono le Matériologies e le Texturologies, al ciclo L’Hourloupe, il vero «nucleo centrale» della ricerca di Dubuffet.

Le circa venti opere selezionate per questa sezione rivelano come la normale percezione del mondo venga messa in discussione dalle sollecitazioni visive dei sinuosi grafismi di questa serie. E' un'arte affollata, ricca di suggestioni, quasi chiassosa, come indica il termine stesso di “Hourloupe” (dal francese entourlouper, turlupinare). A questo ciclo appartengono anche interessanti sculture, come l'opera monumentale collocata nel giardino del Palazzo, raro spazio verde a Venezia che può vantare un invidiabile affaccio diretto sul Canal Grande.
Concludono il percorso gli anni Ottanta con la serie Mires, ben rappresentata in mostra da circa quindici dipinti. A completare e arricchire la mostra si propone una selezione studiata di disegni, gouache e documenti a testimonianza delle mostre del 1964 e 1984, accompagnati da fotografie, lettere ed articoli che non tralasciano le sperimentazioni musicali dell'artista.

La mostra è a cura di Sophie Webel e Frédéric Jaeger.
Jean Dubuffet e Venezia
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com