Mostra Il buon secolo della pittura senese. Dalla maniera moderna al Lume Caravaggesco - Montepulciano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 24/04/2018 Aggiornato il 24/04/2018

Un grande progetto nato dalla volontà di tutte le istituzioni territoriali, con l’obiettivo di mettere in luce gli interpreti della pittura in terra di Siena tra i primi del '500 e la seconda metà del 1600. Artisti di notevolissimo livello, ancora non tutti completamente studiati e conosciuti. La mostra, curata da un'équipe di esperti presieduta da Antonio Paolucci, è strutturata in tre diverse sezioni, divise cronologicamente in relazione alla presenza di opere d’arte già esistenti in loco. Tutte e tre le sezioni, ed è una caratteristica importante del progetto, si aprono al territorio. Invitano cioè il visitatore ad andare alla scoperta di altre opere custodite da pievi, monasteri, conventi, palazzi, piccoli borghi del meraviglioso territorio della Val d’Orcia. La prima sezione, al Museo Civico Pinacoteca Crociani di Montepulciano,  ha per tema "Domenico Beccafumi, l'artista da giovane". Partendo dal ritrovamento di un’opera giovanile di Domenico Beccafumi, la S. Agnese Segni del Museo Civico, la sezione si occupa di illustrare, dapprima, i documenti e le testimonianze che hanno reso possibile la nuova attribuzione e poi di analizzare le notevoli problematiche inerenti la personalità artistica del  giovane Beccafumi.  La seconda sezione, a Palazzo Chigi Zondadari (piazza Chigi 4A) di San Quirico D'Orcia, è intitolata "Dal Sodoma al Riccio: la pittura senese negli ultimi decenni della Repubblica". Il dipinto attorno al quale si svolge il percorso è la Madonna col Bambino e i Santi Leonardo e Sebastiano di Bartolomeo Neroni detto il Riccio, appartenente alla Compagnia del Santissimo Sacramento di San Quirico d’Orcia. Questa sezione prende in esame il periodo artistico che va dalla tarda attività del Sodoma, di cui sono presenti diverse e importanti opere, per concludersi con un’ampia rassegna dedicata alla produzione di Bartolomeo Neroni detto il Riccio. La terza sezione, al Conservatorio S. Carlo Borromeo (piazza San Carlo) di Pienza, tratta "Francesco Rustici detto il Rustichino, caravaggesco gentile e il naturalismo a Siena". La presenza nella chiesa di S. Carlo Borromeo di una splendida pala di Francesco Rustici raffigurante la Madonna col Bambino e i Santi Carlo Borromeo, Francesco, Chiara, Caterina e Giovanni Battista, permette di costruire attorno a quest’opera una interessante esposizione riguardante principalmente l’attività del Rustichino, di cui sono presenti, riuniti insieme per la prima volta, diversi capolavori. 

Dal al
Montepulciano (SI)
ATTENZIONE
Prima di presentarsi alle mostre informarsi sulle modalità di ingresso in relazione all’emergenza Covid-19 e visitare il sito ufficiale dell’evento per avere conferma delle date e degli orari.
Regione: Toscana
Luogo: Museo Civico Pinacoteca Crociani, via Ricci 10
Telefono: 0577/899728; 0578/748359; 0578/757341
Orari di apertura: 10,30-13; 15-18,30; sabato e domenica 10-13; 15-19. Lunedì chiuso
Costo: 12 euro; ridotto 6 euro
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com