Mostra I Macchiaioli. L’avventura dell’arte moderna - Trieste

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 30/11/2022 Aggiornato il 30/11/2022
Dal al
Trieste (TS)
Regione: Friuli Venezia Giulia
Luogo: Museo Revoltella, via Armando Diaz 27
Telefono: 040/6754350; 040/675/4158
Orari di apertura: 9-19. Martedì chiuso
Costo: 7 euro; ridotto 5 euro
Dove acquistare: https://museorevoltella.it/
Sito web: https://museorevoltella.it; www.arthemisia.it/it/macchiaioli-trieste/
Organizzatore: Comune di Trieste – Assessorato alle politiche della cultura e del turismo, con il supporto di Trieste Convention and Visitors Bureau e PromoTurismo FVG
Note:
Gli artisti italiani più importante dell’Ottocento, i "Macchiaioli, hanno spiriti indipendenti e ribelli che abbandonano le scene storiche e mitologiche del Neoclassicismo e del Romanticismo per aprirsi a una pittura realista e immediata, senza disegni preparatori, dipingendo per l’appunto “a macchie” dense e colorate la vita quotidiana, con brevi pennellate che rendono molto più veritieri i soggetti.

Attivi negli anni ’50 e ’60, i Macchiaioli, i cui principali esponenti sono Telemaco Signorini, Giovanni Fattori e Silvestro Lega, si ritrovavano al Caffè Michelangelo di Firenze per discutere e confrontarsi sulla pittura “moderna”, e mostrano in pubblico le loro opere per la prima volta all’Esposizione Nazionale del 1861, ricevendo critiche sprezzanti (“macchiaioli” è il termine dispregiativo con cui vengono definiti nel 1862 dal giornale conservatore e cattolico “Nuova Europa”).

Come tutti gli artisti che segnano un cambiamento, non vengono compresi subito, ma nel Novecento vengono rivalutatati e oggi sono considerati i precursori dell’Impressionismo, occupando un posto sempre più importante nella storia dell’arte europea.

I principali protagonisti del movimento furono, oltre i citati Signorini, Fattori e Lega, anche Giuseppe Abbati, Cristiano Banti, Odoardo Borrani, Vito d’Ancona, Giovanni Boldini, Federico Zandomeneghi e vari altri.

Attraverso un corpus di oltre 80 opere molto significative del movimento, la mostra racconta l’intera esperienza artistica dei Macchiaioli, a partire dal 1855, fra dipinti celebri e opere mai esposte prima, provenienti dalle più prestigiose collezioni private italiane ed europee.

La mostra è prodotta da Arthemisia e curata da Tiziano Panconi.

I Macchiaioli. L’avventura dell’arte moderna
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com