Mostra Hugo Pratt da Genova ai Mari del Sud - Genova

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 11/10/2021 Aggiornato il 11/10/2021
Dal al
Genova (GE)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Liguria
Luogo: Palazzo Ducale, piazza Giacomo Matteotti 9
Telefono: 010/8171600
Orari di apertura: 14-19 lunedì; 10-19 da martedì a domenica; 10-21 venerdì
Costo: 14 euro; ridotto 12 euro
Dove acquistare: https://palazzoducale.genova.it/
Sito web: https://palazzoducale.genova.it/
Organizzatore: Fondazione Palazzo Ducale e CMS.Cultura in collaborazione con CONG-Hugo Pratt Art Properties
Note:
Per la prima volta Genova rende omaggio a Corto Maltese, che in questa città è "nato".
La mostra presenta 200 pezzi originali tra tavole e acquerelli, oltre a un’originale multivisione, sorta di Lanterna per non perdere la rotta e immergersi nelle storie dell’avventuriero più amato in Italia e non solo, dedicata ai Mari del Sud che hanno reso Corto Maltese un’icona del viaggio, della libertà e del rispetto delle culture incontrate.

Era il 1 luglio 1967 quando in edicola usciva una nuova rivista di fumetti. Si chiamava Sgt. Kirk, costava 500 lire e raccoglieva alcune delle più belle strisce create da Hugo Pratt nel periodo argentino. L’editore era genovese, Fiorenzo Ivaldi, e aveva per Pratt una grande ammirazione.
Oltre alla storia di Sgt. Kirk, la rivista di Ivaldi pubblicava una nuova avventura inedita: Una ballata del mare salato. Esattamente 54 anni fa, a Genova, nasceva quindi il mito di Corto Maltese quasi a “sua insaputa”.

In mostra verranno esposte anche le rare tavole del periodo argentino. Ma soprattutto sarà l’immaginario prattiano in toto ad accogliere il visitatore: donne seducenti, ribelli, indipendentisti, indiani, boschi e praterie delle indimenticabili atmosfere di Wheeling e Ticonderoga.
Ci sarà l’Africa de “Gli Scorpioni del deserto” e “In un cielo lontano” oltre agli episodi delle “Etiopiche”.
Ci sarà Venezia e una carrellata di foto di centinaia di personaggi per altrettante storie di sguardi. Ci saranno le opere degli artisti che hanno reinterpretato i personaggi di Hugo Pratt perché anche queste sono avventure.

L'esposizione è curata da Patrizia Zanotti, direttore di CONG e responsabile dell’opera editoriale di Pratt.

Hugo Pratt da Genova ai Mari del Sud
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com