Mostra Da Hayez a Boldini. Anime e volti della pittura italiana dell’Ottocento - Brescia

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 16/01/2017 Aggiornato il 16/01/2017

Protagonisti di questa grande mostra sono i maggiori esponenti delle correnti e dei movimenti pittorici fioriti in Italia nel corso dell'Ottocento, del romanticismo, della scapigliatura, dei macchiaioli e del divisionismo e raccontano l'importante periodo artistico italiano del XIX secolo. Da Canova ad Appiani, da Hayez a Cremona, da Fattori a Inganni, da Segantini a De Nittis, da Zandomeneghi fino a Boldini, cento capolavori celebrano l'importante periodo artistico italiano del XIX secolo. L'esposizione, curata da Davide Dotti, si apre con "Amore e Psiche", di Antonio Canova, che incarna i canoni dell'estetica neoclassica. Attorno alla scultura ruotano alcune delle tele più rappresentative di autori neoclassici tra cui Andrea Appiani, che evoca la grazia raffaellesca nella tela "Venere allaccia il cinto a Giunone". La sezione dedicata al romanticismo presenta Francesco Hayez con alcune sue splendide opere, tra le quali "Maria Stuarda sale al patibolo", accanto ad altri importanti autori come Giuseppe Molteni, Enrico Scuri, Giacomo Trecourt, Carlo Arienti e Giovanni Carnovali, detto il Piccio. La terza sala, dedicata al movimento della scapigliatura, propone le tele di Tranquillo Cremona, Daniele Ranzoni e Mosè Bianchi. Fra i macchiaioli spiccano Giovanni Fattori, Silvestro Lega e Telemaco Signorini. I divisionisti, che avevano elaborato una tecnica pittorica innovativa caratterizzata da intrecci di brevi pennellate cariche di colore, sono rappresentati da Giovanni Segantini, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Angelo Morbelli, Gaetano Previati, Emilio Longoni, Carlo Fornara e Plinio Nomellini. Conclude il percorso espositivo la rievocazione del clima culturale parigino della Belle Epoque, con le opere di maestri come Vittorio Matteo Corcos, Antonio Mancini, Federico Zandomeneghi, Giuseppe De Nittis e Giovanni Boldini. La mostra è organizzata dall'Associazione Amici di Palazzo Martinengo in collaborazione con la Provincia di Brescia, col patrocinio del Comune di Brescia.

Dal al
Brescia (BS)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le notizie pubblicate sono verificate fino alla data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia e al peggioramento della situazione contingente, possono subire modifiche legate a nuove restrizioni richieste per legge, anche a livello locale e regionale.

Regione: Lombardia
Luogo: Palazzo Martinengo, via dei Musei 30
Telefono: 380/4650533; Sito: www.mostra800.it
Orari di apertura: 9-17,30; sabato, domenica e festivi 10-20. Lunedì e martedì chiuso
Costo: 10 euro; ridotto 8 euro
Da Hayez a Boldini. Anime e volti della pittura italiana dell’Ottocento
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com