Mostra Tra Guercino e De Nittis. Due collezioni si incontrano - Domodossola

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 24/05/2017 Aggiornato il 24/05/2017

Casa De Rodis a Domodossola ospita non solo una mostra, ma un ampio progetto che ha per obiettivo quello di contribuire al restauro del patrimonio artistico marchigiano compromesso dagli eventi sismici avvenuti nell'agosto 2016. L'esposizione, realizzata in collaborazione con la Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno, racconta la storia di due collezionisti, Antonio Ceci (1852-1920) e Alessandro Poscio (1928-2013), chirurgo marchigiano di adozione pisana il primo, imprenditore piemontese con la passione per la pittura il secondo. I temi trattati nelle opere vanno dai ritratti ai paesaggi, da vedute che inquadrano la natura a stretto contatto con l’uomo, a sguardi che comunicano i misteri e i fascini di storie lontane e vicine. Da Ascoli Piceno arriva a Domodossola anche un gruppo di preziosi disegni di artisti come Pietro da Cortona, Guercino, Luca Giordano e Domenico Morelli insieme a tele di Alessandro Magnasco e Francesco Zucarelli, Pelizza da Volpedo e Luigi Nono. Della collezione Poscio invece sono presenti opere di Carlo Fornara, Giovanni Battista Ciolina, Telemaco Signorini, Antonio Fontanesi, Giovanni Fattori. La mostra offre anche l'occasione di studiare opere ancora inedite mai presentate al pubblico, come il "San Gerolamo" attribuito al pittore caravaggesco Lionello Spada o la "Vergine in preghiera" che appartiene al giovane Sassoferrato.

Dal al
Domodossola (VB)
ATTENZIONE
Prima di presentarsi alle mostre informarsi sulle modalità di ingresso in relazione all’emergenza Covid-19 e visitare il sito ufficiale dell’evento per avere conferma delle date e degli orari.
Regione: Piemonte
Luogo: Casa De Rodis, piazza Mercato 8
Telefono: 347/7140135; Sito: www.collezioneposcio.it
Orari di apertura: 10-19 sabato e domenica (altri orari su prenotazione)
Costo: 5 euro; libero per bambini fino a 12 anni e studenti con tesserino
Tra Guercino e De Nittis. Due collezioni si incontrano
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com