Mostra Gli scali ferroviari di Milano. Oggi, prima di domani. Fotografie di Marco Introini e Francesco Radino - Milano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 11/06/2018 Aggiornato il 11/06/2018

Testimonianza del presente e memoria per il futuro, la mostra mette in luce con una campagna fotografica inedita realizzata dai due grandi fotografi italiani Marco Introini e Francesco Radino, i sette scali ferroviari di Milano, attualmente dismessi, ma in fase di riqualificazione. I lavori dei due fotografi ritraggono gli scali Farini, Greco, Lambrate, Porta Romana, Rogoredo, Porta Genova e San Cristoforo, che insieme ricoprono una superficie di 1.250.000 mq, aree attualmente abbandonate, ma che un tempo contribuirono allo sviluppo industriale, agevolando il trasporto e la consegna di prodotti finiti e generi di prima necessità, nonché la crescita dei quartieri limitrofi. Marco Introini (Milano, 1968) attraverso scatti in bianco e nero si sofferma di più sull'aspetto architettonico, sulle vedute esterne e sulla ricerca delle intersezioni tra la città otto-novecentesca e la Milano degli anni Duemila, mentre Francesco Radino (Bagno a Ripoli, Firenze, 1947) con immagini a colori mette l'accento sugli spazi interni, sul dialogo tra memoria, uomo e natura, rappresentato da una visione del gusto poetico. Curatori della mostra sono Marco Introini, Francesco Radino e Fabrizio Trisoglio.

Dal al
Milano (MI)
Regione: Lombardia
Luogo: Casa dell'Energia e dell'Ambiente, piazza Po 3
Telefono: 02/77203935; Sito: www.fondazioneAem.it
Orari di apertura: 9-17,30 da lunedì a giovedì; 9-14 venerdì. Sabato e domenica chiuso
Costo: Ingresso libero
Gli scali ferroviari di Milano. Oggi, prima di domani. Fotografie di Marco Introini e Francesco Radino
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l'esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.