Mostra Giapponismo. Venti d’Oriente nell’arte europea. 1860-1915 - Rovigo

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 18/09/2019 Aggiornato il 18/09/2019
Dal al
Rovigo (RO)
Regione: Veneto
Luogo: Palazzo Roverella, via Laurenti 8/10
Telefono: 0425/460093
Orari di apertura: 9-19; sabato e domenica 9-20
Costo: 12 euro; ridotto 8 euro
Note:
Verso la fine del XIX secolo la scoperta delle arti decorative giapponesi diede una notevole scossa a tutta l'arte europea conducendo l’arte verso nuove e più essenziali norme compositive fatte di sintesi e colori luminosi.
La svolta avvenne quando, all’inizio degli anni ’60 dell’Ottocento cominciarono a diffondersi in Europa, e principalmente in Francia, ceramiche, stampe, e arredi da giardino dall’Impero del Sol Levante che, pochi anni addietro, nel 1853, si era aperto al resto del mondo.

La moda giapponista, esplosa attorno al 1860 e destinata a durare almeno un altro cinquantennio coinvolse dapprima la ricca borghesia internazionale, ma soprattutto due intere generazioni di artisti, letterati, musicisti e architetti, trovando via via sempre più forza con l’innesto della nascente cultura e Liberty e modernista sempre più attenta ai valori decorativi e rigorosi dell’arte giapponese.

Il taglio che Francesco Parisi, curatore della mostra, ha scelto è originale perché ha mappato per la prima volta, le tendenze giapponiste dell’Europa tra Ottocento e Novecento: dalla Germania all’Olanda, al Belgio, dalla Francia all’Austria, alla Boemia, fino all’Italia.

Nelle 4 sezioni espositive sono presenti opere di pittura e grafica, architettura, arti applicate, illustrazione, manifesti, arredi.
Accanto ai capolavori di Gauguin, Touluse Lautrec, Van Gogh, Klimt, Kolo Moser, James Ensor, Alphonse Mucha si possono ammirare le tendenze giapponiste nelle opere degli inglesi Albert Moore, Sir John Lavery e Christopher Dresser; degli italiani Giuseppe De Nittis, Galileo Chini, Plinio Nomellini, Giacomo Balla, Antonio Mancini, Antonio Fontanesi e Francesco Paolo Michetti e i francesi Pierre Bonnard, Paul Ranson, Maurice Denis ed Emile Gallé; i belgi Fernand Khnopff e Henry Van De Velde.

Giapponismo. Venti d’Oriente nell’arte europea. 1860-1915
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com