Mostra Flora Commedia: Cai Guo-Qiang agli Uffizi - Firenze

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 03/11/2018 Aggiornato il 05/12/2018

La mostra personale dell'artista contemporaneo Cai Guo-Qiang (Quanzhou, Cina, 1957) si ispira al Rinascimento fiorentino e il titolo trae ispirazione dalla Divina Commedia di Dante Alighieri. 

Dal al
Firenze (FI)
Regione: Toscana
Luogo: Le Gallerie degli Uffizi, piazzale degli Uffizi 6
Telefono: 055/2388831
Orari di apertura: 8,15-18,50. Lunedì chiuso
Costo: 12 euro; ridotto 6 euro
Note:
L'artista si appropria della flora del Rinascimento come soggetto, catturando lo spirito e l'anima del periodo; attraverso la rappresentazione dei fiori, Cai Guo-Qiang dipinge la natura, il cosmo e le emozioni personali. Per prepararsi all’esposizione, l’artista si è dedicato allo studio della tecnica della punta d’argento presso il Gabinetto dei Disegni e delle Stampe degli Uffizi e ha visitato più volte il Giardino mediceo di Boboli per osservare le diverse varietà di fiori del Rinascimento. La Limonaia, antica serra della famiglia Medici e luogo in cui oggi continua la coltivazione della flora rinascimentale, è stata una delle principali fonti di ispirazione. Cai Guo-Qiang ha anche lavorato a stretto contatto con gli esperti botanici degli Uffizi, ricreando varietà floreali del Rinascimento e riproducendole sulla tela. In esposizione 60 opere o gruppi di dipinti di varie dimensioni realizzati con polvere da sparo, e una selezione di bozzetti dell'artista che ne illustrano il processo creativo. La mostra è co-curata da Eike Schmidt, direttore degli Uffizi, con Laura Donati, curatore del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi. 
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l'esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.