Mostra Festa degli Orti. Un mondo a colori - Piossasco

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 11/08/2019 Aggiornato il 11/08/2019
Dal al
Piossasco (TO)
ATTENZIONE
Le mostre nelle Regioni che si trovino in zona gialla possono essere aperte con modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ), che è bene verificare direttamente con gli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Piemonte
Luogo: Casa Lajolo, Borgo Antico di Piossasco, via san Vito 23
Telefono: 011/9064030
Orari di apertura: 17-20
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.casalajolo.it
Organizzatore: Casa Lajolo
Note:
L’edizione autunnale della Festa degli Orti di Casa Lajolo propone un giardino storico da scoprire nelle sue molteplici attitudini e tante esperienze speciali. Tema di quest’anno: “Un mondo a colori”. Casa Lajolo invita a un fine settimana di percorsi esperienziali e laboratori nei quali grandi e bambini possono ritrovare i colori con tutti i sensi e scoprirli anche dove sembrano non esserci.

Si comincia sabato 14 settembre con un talk show dal titolo intrigante e dall’andamento trasversale "Bleu pom murdü. Noi e i colori". Tra psicologia e curiosità che appagano la vista, furbizie botaniche dei fiori per attirare gli insetti impollinatori e mazzette Pantone per non perdere neppure una sfumatura, correrà, nella conversazione a più voci, un pizzico di ironia che racconta i colori persino nell’interpretazione della lingua piemontese.

I visitatori che desiderano trattenersi, al termine del talk show possono partecipare alla cena a colori che si svolge nel giardino di Casa Lajolo con un trionfo di ortaggi appena raccolti nell’orto della proprietà e tante altre bontà che hanno il colore come punto di forza (prenotazioni a info@casalajolo.it, € 32,00).

Domenica 15 settembre la giornata prevede incontri, storie, suggestioni, sapori, esposizioni. Frutta e ortaggi in technicolor sarà una mostra pomologica di quanto offrono frutteto e orto a metà settembre: mele, pere, uve, peperoncini, pomodori in un’infinità di varietà.

La festa degli orti dispensa anche qualche pillola di ottimismo benefico per guardare la vita a colori, distillando il buono che può nascere persino nelle situazioni e nei momenti più bui. Come nel progetto dell’impresa sociale Agricolori di estrazione di colori naturali dalle piante, per dare un’opportunità riabilitativa post ospedaliera a persone colpite da un tumore. L’idea della start up è di Armando Borrelli, un giovane grafico torinese operato di un tumore alla testa, che a Casa Lajolo parla del progetto e presenta il libro che ha scritto sulla sua esperienza.

Grande spazio viene dato alle attività per i bambini. Possono liberare la fantasia giocando con i colori come pittori, dopo aver indossato un grembiulino pensato appositamente per la festa che rimarrà in regalo perché possano ripetere l’esperienza anche a casa senza sporcarsi.
I piccoli visitatori posono imparare a tessere su telai minuscoli e improvvisarsi materassai per confezionare imbottiti di lana per le bambole, modellare il feltro con l’acqua saponata e alla fine godersi una merenda straordinaria con i colori della natura.
Festa degli Orti. Un mondo a colori
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com