Mostra “E ogni cosa è connessa con tutte le altre” - Milano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 09/12/2020 Aggiornato il 09/12/2020
Dal al
Milano (MI)
ATTENZIONE
Le mostre possono essere aperte con modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ), che è preferibile verificare direttamente con gli organizzatori o sul sito, prima di recarsi sul posto.
Regione: Lombardia
Luogo: Policlinico di Fiera Milano, viale Lodovico Scarampo, Gate 6
Telefono: 02/49971
Orari di apertura: 8-20
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.fondazionefieramilano.it/it/
Organizzatore: Fondazione Fiera Milano
Note:
L'installazione natalizia “E ogni cosa è connessa con tutte le altre” dell'artista Massimo Uberti è dedicata al personale sanitario del Policlinico in Fiera Milano.
Un evocativo albero di Natale, collegato a una scritta al neon, che rende omaggio alla Città e al personale sanitario impegnato nell’emergenza Covid-19.

L’abete rosso, alto 7 metri è posizionato all’ingresso del gate 6 del Padiglione Policlinico in Fiera Milano, tra viale Scarampo e via Teodorico.
Trecento lettere dell’alfabeto, realizzate in materiale specchiante, addobbano l’Albero di Natale, sulla cui punta è posizionata una stella ispirata a uno dei disegni sul moto perpetuo di Leonardo da Vinci.

Sempre a Leonardo è riconducibile il forte messaggio simbolico riportato dalla scritta al neon sottostante: “E ogni cosa è connessa con tutte le altre” che abbraccia metaforicamente l’edificio di Fiera Milano.

“Ho immaginato un alfabeto di lettere, per creare nuove parole da condividere e per immaginare nuove visioni, in un dialogo partecipativo e aperto con la Città. Di giorno, l’opera si illumina attraverso i riflessi della luce naturale, lo scorrere dei colori del cielo e il paesaggio in una cromia, mai uguale, che diventa caleidoscopio di nuove possibilità.
Quando cala la sera, il messaggio leonardesco riportato nella scritta al neon, considerato universalmente la prima legge dell’ecologia, ci ricorda che solo rispettando tutti gli elementi della natura e attraverso la convivenza delle diversità, l’uomo potrà guardare al futuro”, spiega l’artista Massimo Uberti.

L'installazione sarà visibile fino a giovedì 7 gennaio 2021. Poi l’abete verrà riportato al vivaio di Brescia da cui proviene, per garantirgli una seconda vita.
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com