Mostra Daniele Lievi. Carte segrete - Breno

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 26/06/2021 Aggiornato il 26/06/2021
Dal al
Breno (BS)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte con le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Per modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) verificare sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le informazioni sono verificate prima della data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia, possono subire modifiche legate a eventuali nuove restrizioni di legge.

Regione: Lombardia
Luogo: Museo Camuno - Palazzo della Cultura, via Giuseppe Garibaldi 8
Telefono: 0364/323343
Orari di apertura: 9-12; venerdì e domenica 15-18
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.beniculturali.it/luogo/museo-camuno-camus
Organizzatore: Comune di Brescia e Fondazione Brescia Musei
Note:
Il progetto, sostenuto dagli assessorati alla cultura di Comunità Montana di Valcamonica e Comune di Breno, offre a tutti i cittadini camuni l’occasione, per tutta la durata dell’estate, di visitare una esposizione di altissima qualità che, purtroppo, ha avuto un inizio difficile a Brescia a causa dell’emergenza sanitaria, ma che avrà nuova vita nella località turistica della Valcamonica.

Le “carte segrete” sono uno scrigno di disegni dello scenografo e pittore Daniele Lievi che, grazie ai testi realizzati dal fratello Cesare, regista, drammaturgo, poeta e traduttore di fama internazionale, sono svelati al pubblico, rivelando la fantasia immaginifica di Daniele Lievi, insieme al suo talento di artista, coltivato e declinato in un continuo, serrato confronto tra linea, forma e colore.

Il sottotitolo della esposizione, Tra disegno e scrittura, svela il senso del raffinato connubio tra le carte dipinte e un percorso, un racconto, che introduce e svela allo spettatore la vita, la creatività, la gioia, le sofferenze e la dipartita di Daniele Lievi, scomparso a soli 36 anni.

L’esposizione è composta da 62 disegni originali non strettamente legati ai progetti teatrali dello scenografo. È un racconto personale, simile a un diario privato, da cui la definizione di “carte segrete”.

Daniele Lievi (1954-1990), seppur giovane, era già in vita conosciuto a livello internazionale per i lavori di scenografia condivisi con il fratello Cesare, autore e regista. I due fratelli dopo aver sperimentato percorsi teatrali innovativi al Teatro dell’Acqua nella loro piccola patria di Gargnano, si sono affermati nei maggiori centri di produzione teatrale a livello internazionale.

Della sterminata produzione figurativa di Daniele, la mostra offre solo una selezione tra le “mille carte” che tuttora si conservano dello scenografo e artista.
Il confine del teatro si è liberato dalle quinte sceniche: Daniele consegna un mondo soave fatto di disegni che materializzano idee sulla carta, in un foglio circoscritto ma che accoglie infinite espressioni di libertà.

La mostra è introdotta dalla voce di Cesare Lievi, il fratello dell’artista: l’audioguida, scaricabile dal QrCode, conduce il visitatore nel percorso di “scoperta” delle carte. Si tratta di un commento a ricordo del fratello e a spiegazione delle opere che consentirà ai visitatori di immergersi nella vicenda artistica e umana che ha prodotto i disegni.


AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com