Mostra Dancing30 - Milano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 13/04/2021 Aggiornato il 13/04/2021
Dal al
Milano (MI)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le notizie pubblicate sono verificate fino alla data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia e al peggioramento della situazione contingente, possono subire modifiche legate a nuove restrizioni richieste per legge, anche a livello locale e regionale.

Regione: Lombardia
Luogo: Viasaterna Arte Contemporanea, via Giacomo Leopardi 32
Telefono: 02/36725378
Orari di apertura: 12-19 da lunedì a venerdì su appuntamento. Sabato e domenica chiuso
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.viasaterna.com
Organizzatore: Viasaterna Arte Contemporanea
Note:
Viasaterna ospita la mostra Dancing30 di Kings, duo artistico costituito da Daniele Innamorato e Federica Perazzoli, con una selezione di opere che include neon, collage, installazione sonora, scrittura e wallpaper.

La mostra introduce la misteriosa storia del Club30, locale dance abbandonato e senza tempo, posto al civico mancante di via Leopardi, tra il ventotto e il trentadue. Un’insegna ne svela la presenza e invita a entrare seguendo l’eco della sua musica.

In quell’edificio senza numero “i lavori di ristrutturazione erano appena iniziati quando un giorno avvenne la scoperta. In un’intercapedine tra le scale e il muro portante, avvolto da un nastrino rosso, un pacco di lettere era nascosto con cura. Lettere scritte a mano su carta papiro raccontavano la storia del Club30”.

Un luogo surreale, popolato da maschere mitologiche, apparizioni animalesche, donne bellissime ed eleganti signori dell’alta società.
Personaggi di cui si scorgono i volti nelle opere a collage di piccole e grandi dimensioni, sovrapposti, ritagliati minuziosamente da altri libri, documenti, stampe in edizione, figurine, tutte combinate insieme.

Dopo i personaggi il visitatore incontra il monito, l’invito: l’opera neon Wanna Dance su tenda argento agisce come un apripista per coloro che proseguono il percorso alla scoperta di questo luogo, con la musica dal piano inferiore che avvolge piano piano, inducendo ad accogliere il messaggio del neon a inseguirne la danza.
Ad attendere il visitatore vi sono un’installazione luminosa e le note delle tracce musicali inedite, non riconducibili a un tempo e a uno stile precisi, selezionate dagli artisti.

È proprio dalla musica, fonte di ispirazione e sperimentazione per gli artisti, che si estende una nuova concezione capace di liberare l’arte e lo spazio; generando una nuova storia, tra neon di colori brillanti e diaframmi di figure disparate, in cui parola, suono, figurazione si incontrano in un turbinio di segni e stratificazioni.



Dancing30
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com