Mostra da Magritte a Duchamp. 1929: il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou - Pisa

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 11/09/2018 Aggiornato il 05/12/2018

Un percorso all'interno della scomposizione dell'immagine, che non è quella che si vede, ma una delle tante che emergono da come la si scompone. 

Dal al
Pisa (PI)
Regione: Toscana
Luogo: Palazzo Blu, Lungarno Gambacorti 9
Telefono: 050/500197
Orari di apertura: 10-19; sabato e domenica 10-20. Lunedì chiuso
Costo: 3 euro; ridotto 2 euro
Note:
Un viso può diventare vuoto, pieno, doppio o può contenere meccanismi e oggetti. Il celebre pittore belga René Magritte (Lessines, 1898 - Bruxelles, 1967) rappresentava la realtà mettendola in dubbio. Affascinato dal surrealismo parigino, Magritte aderisce nel 1929 al Secondo Manifesto, pubblicato da André Breton nel numero 12 della rivista La Révolution Surréaliste. Si associano anche Max Ernst e Dalì insieme a diversi altri artisti e il 1929 diventa l'anno più importante del movimento. La mostra presenta un nucleo di novanta capolavori che permettono di scoprire le meraviglie di quel Surrealismo che ha profondamente mutato l’arte del XX secolo. Presentano questo grande evento la Fondazione BLU, il Centre Georges Pompidou di Parigi e MondoMostre. Per la prima volta in Italia, l’istituzione francese presta una serie di capolavori di cui difficilmente si priva, essendo esposti nella collezione permanente di quella che è la più importante istituzione europea dedicata all’arte del Novecento. Il percorso espositivo è curato da Didier Ottinger, Directeur adjoint du Centre national d'art et de culture Georges Pompidou, Musée national d'art moderne di Parigi. La mostra ha il Patrocinio del Ministero dei beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Regione Toscana e del Comune di Pisa.
da Magritte a Duchamp. 1929: il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l'esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.