Mostra Circuiti Sincronici. Giovanni Calemma e Luca Centola - Messina

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 19/08/2021 Aggiornato il 19/08/2021
Dal al
Messina (ME)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Sicilia
Luogo: Santa Maria Alemanna, via Santa Maria Alemanna 48
Telefono: 338/6757976
Orari di apertura: 11-13; 19-22 tutti i giorni
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: https://associazioneangeloazzurro.org
Organizzatore: Associazione Angelo Azzurro ONLUS
Note:
La mostra bipersonale di Giovanni Calemma e Luca Centola inaugura gli spazi della Chiesa di Santa Maria Alemanna di Messina, nata dalla collaborazione tra l'Associazione Angelo Azzurro Onlus e A-HEAD, progetto che dal 2017 sviluppa un percorso conoscitivo delle malattie mentali attraverso l’arte.

L'esposizione è un itinerario di visioni che sembrano avere il potere di dilatare lo spazio e creare mondi originali tramite la curiosità e la riflessione: nell’imponente cornice messinese della chiesa di Santa Maria Alemanna presentano i loro ultimi lavori l’artista anglo-italiano Giovanni Calemma e l’artista materano Luca Centola.

Calemma svela, attraverso l’interazione tra immagine e musica, una nuova entità che non avrebbe avuto modo di rilevarsi se non adesso nelle forme astratte e criptiche delle sue opere.
Centola, invece, rappresenta il silenzio romantico e desolante e il grido di rivalsa che oscillano nelle vedute delle fabbriche di archeologia industriale e negli sconfinati paesaggi delle saline di Margherita di Savoia. Due percorsi stilisticamente diversi che, incrociandosi in maniera sincronica, riescono a ritrovarsi nell’unica strada percorribile: quella dell’arte.

Durante il vernissage, A-HEAD presenterà due nuovi premi internazionali, in memoria di Giovan Battista Calapai e Theodora van Mierlo Benedetti rivolti agli artisti under 35, e il secondo catalogo di A-HEAD edizioni, Synphonic Synchronicity di Giovanni Calemma, con i testi di Piero Gagliardi, Stefania Calapai, Robert Mercurio e Giovanna Carlo.
Il ricavato della vendita di tutte le opere dal 3 al 16 settembre sarà devoluto a favore del Progetto di Responsabilità Sociale dedicato a Luca D’Attila per il sostegno alla disabilità.

Domenica 12 settembre dalle ore 11 il Palazzo della Cultura di Messina ospiterà il convegno dal titolo Immagini dalla pandemia. Archetipi, traumi, visioni, al quale parteciperanno medici, artisti ed esperti di fama nazionale e internazionale.

La mostra è a cura di Piero Gagliardi.
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com