Mostra Catherine Biocca. You’re hired - Bologna

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 23/05/2019 Aggiornato il 23/05/2019
Dal al
Bologna (BO)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Emilia Romagna
Luogo: Villa delle Rose, via Saragozza 228/230
Telefono: 051/436818; 051/6496627
Orari di apertura: 14-19 sabato e domenica
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.mambo-bologna.org/villadellerose
Organizzatore: MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna | Istituzione Bologna Musei
Note:
Catherine Biocca (Roma, 1984) è l'artista invitata a concepire e realizzare un progetto inedito per la sede espositiva di Villa delle Rose, nell’ambito dell’edizione 2018/2019 del Programma di Residenze ROSE promosso dal MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna.
Il sostegno nello sviluppo della ricerca artistica e nella produzione di nuove opere durante un periodo di residenza di tre settimane a Bologna si traduce nella mostra YOU’RE HIRED, prima personale di Catherine Biocca in un’istituzione museale italiana, curata da Giulia Pezzoli.

La mostra personale mette a fuoco la direzione più recente della ricerca dell'artista in cui la sperimentazione delle opzioni formali e tecniche del multimediale assume una nuova dimensione interattiva con l’introduzione di interventi performativi in grado di coinvolgere i visitatori come parte integrante del processo artistico.
L’allestimento interessa tutti gli ambienti del piano terra, con lavori che reinterpretano l’identità passata e presente dell’edificio di origine settecentesca a partire da alcuni particolari strutturali e funzionali.

Le due serie di interventi Ruins I-V e Busti Rosa I-III, sono un invito a scoprire elementi curiosi e nascosti della villa e del suo contesto storico-geografico. Mescolati a elementi fantastici raffiguranti luoghi ed epoche inesistenti, questi lavori innescano una riflessione sul valore simbolico di rovine e frammenti stratificati in un’archeologia del quotidiano.

A fornire il titolo alla mostra è l’installazione allestita nella sala 2, YOU’RE HIRED!, con la quale Biocca mette in scena un dialogo che ancora una volta destabilizza la percezione dell’osservatore.
Due manichini ricoperti da copricapi anti-insetto si fronteggiano all’interno di una grande zanzariera e instaurano un dialogo impossibile: alcuni brani di un colloquio di lavoro si alternano a una conversazione intima.

La serie Steli I-III combina interventi pittorici con sculture lapidee ispirate a steli funerarie di epoca etrusca che evocano simbolicamente il periodo in cui la villa fu adibita a struttura ospedaliera della Croce Rossa durante gli anni della Seconda Guerra Mondiale.

La dialettica tra spazi interni e paesaggio esterno, tra reale e digitale, si sovrappone nuovamente nell’intervento Exclusive Cocktail. L’artista qui crea una scenografia immersiva, un trompe-l’oeil, attraverso la proiezione del viale alberato del parco di Villa delle Rose su cui passeggia indisturbato un gigantesco animale preistorico.

Il dialogo con gli elementi della natura circostante è sotteso anche nell’intervento a parete Broken Sky che, provocando un’inaspettata discontinuità nella percezione dei confini fisici del contenitore museale, simula l’apertura di uno squarcio aprendo lo sguardo alla veduta di un cielo.
Catherine Biocca. You’re hired
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com