Mostra Caterina Morigi – Mariateresa Sartori - Bologna

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 29/05/2022 Aggiornato il 29/05/2022
Dal al
Bologna (BO)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte con le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Per modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) verificare sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.

Le informazioni sono verificate prima della data di pubblicazione. Successivamente, in relazione alla pandemia, possono subire modifiche legate a eventuali nuove restrizioni di legge.

Regione: Emilia Romagna
Luogo: Galleria Studio G7, via Val D'Aposa 4A
Telefono: 051/2960371
Orari di apertura: 15,30-19,30 da martedì a sabato. Mattina, lunedì e festivi per appuntamento
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.galleriastudiog7.it
Organizzatore: Galleria Studio G7
Note:
Studio G7 prosegue la stagione espositiva con la bipersonale di Caterina Morigi e Mariateresa Sartori. Il progetto, a cura di Laura Lamonea, intende presentare le opere recenti delle artiste, in un dialogo aperto all’interno dello spazio della galleria.

Mariateresa Sartori (Venezia, 1961), alla sua quarta mostra in galleria, propone un lavoro inedito legato all’aria e al soffio che si inserisce perfettamente nella ricerca dell’artista, da sempre incentrata sull’interazione tra arte e scienza.
Partendo da un fenomeno invisibile, l’artista traccia su tela e carta il respiro, il soffio, che diventano parte integrante della materia e delle forme naturali rendendo così visibile un atto meccanico.

Caterina Morigi (Ravenna, 1991), alla sua prima mostra in galleria, presenta una nuova produzione nata dalla collaborazione con il Museo Zauli; attraverso l’uso della ceramica, l’artista indaga il significato della parola “cratere” realizzando sculture che rimandano al vaso greco dai manici a volute e alla cavità del vulcano, forme che sembrano riconoscibili ma i cui dettagli confondono. Proseguendo la ricerca sulle possibilità inesplorate della materia, l’artista sperimenta l’incontro tra argilla, forme naturali e lava vulcanica.
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com