Mostra Broken Nature: Design Takes on Human Survival - Milano

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 27/01/2019 Aggiornato il 17/03/2019
Dall' all'
Milano (MI)
Regione: Lombardia
Luogo: La Triennale di Milano, viale Emilio Alemagna 6
Telefono: 02/724341
Orari di apertura: 10.30-20,30. Lunedì chiuso
Costo: 18 euro; ridotto 14 euro. Tutti i venerdì mattina la mostra è a ingresso libero per gli studenti
Note:
La XXII esposizione internazionale della Triennale di Milano presenta la mostra tematica "Broken Nature", un'indagine approfondita sui legami che uniscono gli uomini all’ambiente naturale, legami che nel corso degli anni sono stati profondamente compromessi, se non completamente distrutti.

La XXII Triennale di Milano, analizzando diversi progetti di architettura e design, esplora il concetto di design ricostituente e mette in luce oggetti e strategie che ripensano il rapporto tra gli esseri umani e il contesto in cui vivono, inclusi gli ecosistemi sociali e quelli naturali.
La mostra è curata da Paola Antonelli, curatrice per l’Architettura e il Design e direttore Ricerca e Sviluppo del Museum of Modern Art di New York, insieme al team composto da Ala Tannir, Laura Maeran ed Erica Petrillo. Laura Agnesi e Marco Sammicheli hanno invece coordinato le Partecipazioni Internazionali, che sono state coinvolte sotto l’egida del Bureau International des Expositions attraverso canali governativi ufficiali. Le esposizioni sono curate da alcune delle principali istituzioni e università del mondo, e da Paesi come il Senegal, lo Sri Lanka, l’Australia e il Cameron, solo per nominarne alcuni.

Tra le nazioni coinvolte c’è anche la più estesa di tutte: quella delle Piante. La Nazione della Piante è un’esposizione immersiva a cura di Stefano Mancuso, tra le massime autorità mondiali nel campo della neurobiologia vegetale.
La mostra tematica include alcuni lavori commissionati appositamente per l’occasione e una serie di prestiti. Le commissioni proporranno approcci creativi che mirano a correggere il corso autodistruttivo dell’umanità ma anche a ripensare la nostra relazione con l’ambiente e con tutte le specie presenti sul pianeta, inclusi gli esseri umani. Questi progetti sono la continuazione di un’opera iniziata in precedenza e vogliono incoraggiare i designer a considerare la loro pratica come un’attività a lungo termine.
La XXII Triennale di Milano crede che il design meriti lo stesso rispetto e la stessa fiducia che si ripone nella scienza, specialmente quando questo affronta importanti rivoluzioni che coinvolgono gli uomini e i loro comportamenti. Oltre ai progetti commissionati, la mostra tematica comprenderà una selezione di circa 120 progetti di design e di architettura degli ultimi trent’anni, esempi o in alcuni casi addirittura pietre miliari del design ricostituente. Le Partecipazioni Internazionali coprono tutti i continenti offrendo una proposta diversificata in termini di temi, prospettive, contesti e provenienze, che dà conto della complessità e delle differenti tradizioni culturali.

La XXII Triennale di Milano include inoltre anche il progetto espositivo La Nazione delle Piante. L’assunto di base da cui parte il neurobiologo Stefano Mancuso è che uno dei modi per evitare un futuro catastrofico per l’umanità, è guardare alle piante in un modo nuovo, usarle non solo per quello che hanno da offrirci, ma per quello che possono insegnarci.
Sulla piattaforma brokennature.org vengono pubblicati regolarmente aggiornamenti che continueranno per tutta la durata dell’esposizione.
Broken Nature: Design Takes on Human Survival
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com