Mostra Bike Passion, dagli Album Campari una storia a due ruote - Sesto San Giovanni

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 11/05/2017 Aggiornato il 11/09/2017

Bike Passion è un diario di viaggio, un capitolo nella storia del marchio in cui Campari è stato testimone dei cambiamenti di costume in Italia e compagno della profonda passione sportiva per una delle corse ciclistiche più celebri d’Europa, il Giro d'Italia. La tappa finale del 100° Giro d'Italia, a cronometro, sfila davanti al quartier generale di Campari a Sesto San Giovanni domenica 28 maggio e in questa occasione  galleria Campari presenta il nuovo progetto espositivo, curato da Marina Mojana e Fabrizio Confalonieri e patrocinato dal Museo del Ciclismo del Ghisallo. In mostra una trentina di fotografie d'epoca custodite negli album degli archivi Campari che ripercorrono l’arco temporale dagli anni Trenta agli anni Sessanta, in cui il marchio Campari ha seguito ciclisti del livello di Coppi, Girardengo, Cinelli, Moser, Anquetil, Baldini, Gaul, Magni nelle ventuno tappe del Giro d'Italia, nelle tappe del Giro dei Tre Mari e in quelle del Gran Premio di Lugano. Alle fotografie d’epoca, disposte su una pista che simula il circuito di gara, si affiancano le grafiche pubblicitarie originali, firmate da Franz Marangolo (1912-1995), noto illustratore milanese,  e da altri autori degli anni Cinquanta e Sessanta, che propongono una storia fatta di intuizioni e di strategie comunicative d’avanguardia. Il filo conduttore è sempre l'immagine della bicicletta inserita nella vita quotidiana e rappresentata anche nelle otto tavole originali di Uglo Mochi (1889-1977), scultore, illustratore e disegnatore fiorentino. Un esemplare storico di questo mezzo arricchisce la mostra, grazie al prestito giunto dalle preziose collezioni d’epoca del Museo Nicolis di Villafranca di Verona. Infine, grazie alla collaborazione tra Galleria Campari e Antonio Colombo, collezionista d’arte e Presidente di Cinelli, azienda leader nel settore delle due ruote e del design ciclistico, sono presenti anche nove biciclette d’artista della collezione di Colombo firmate da designer di fama internazionale come Alchymia, Alberto Biagetti, Sergio Calatroni, Death Spray, Piero Fornasetti, Stevie Gee, Max Lamb, Barry McGee, Alessandro Mendini. La “bicicletta” raccontata in questa mostra rappresenta un pezzo di storia del nostro Paese e un universo che si sposa con l’arte e il design, coniugando la dimensione sportiva e di mezzo di locomozione, con il suo immaginario di forma, pensiero e sogno.

Dal al
Sesto San Giovanni (MI)
ATTENZIONE
Prima di presentarsi alle mostre informarsi sulle modalità di ingresso in relazione all’emergenza Covid-19 e visitare il sito ufficiale dell’evento per avere conferma delle date e degli orari.
Regione: Lombardia
Luogo: Galleria Campari, HQS Gruppo Campari, viale Gramsci 161
Telefono: 02/62251; Siti: www.campari.com; www.camparigroup.com
Orari di apertura: Visite guidate su prenotazione 10 e 11,30; 14, 15,30, 17 da lunedì a venerdì e ogni secondo sabato del mese
Costo: Ingresso libero
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com