Mostra Art makes you travel again - Roma

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 12/10/2021 Aggiornato il 12/10/2021
Dal al
Roma (RM)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Lazio
Luogo: Rosso20sette arte contemporanea, via del Sudario 39
Telefono: 06/64761113
Orari di apertura: 11-19,30 dal martedì al sabato; domenica su appuntamento. Lunedì chiuso
Costo: Ingresso libero
Dove acquistare: 0 - ingresso libero
Sito web: www.rosso27.com
Organizzatore: Rosso20sette arte contemporanea
Note:
La mostra presenta oltre 30 opere realizzate su mappe, cartine geografiche, carte d'imbarco e mappamondi da Dina Saadi, Polar Bear, Laika, Daniel Eime, Alessandra Carloni, Marco Rèa, Luogo Comune, About Ponny, Nicola Alessandrini, Emmeu, Ligama, Daniele Tozzi.

Partiamo dalla mappa della Palestina di Dina Saadi, con le parti in rosso del ritratto della donna (sua grande amica) che rappresentano le aree che i palestinesi hanno dovuto abbandonare in seguito dell’insediamento israeliano, per passare alle carte d’imbarco di Laika ispirate al cinema (la compagnia aerea Qantas che “never crashed”) nonché alla situazione attuale delle donne afghane che cercano di salire sui voli della Turkish Airline per lasciare il paese.

E poi il dittico di About Ponny sulle mappe di Africa e Australia che rappresentano “voglia di evasione, partenza per luoghi inesplorati, lontani. Anche con mezzi di fortuna, importante è ripartire dopo mesi di reclusione..."

Marco Rea ci porta in Giappone con la sua opera “Mono no aware”, concetto estetico nipponico “che esprime una forte partecipazione emotiva nei confronti della bellezza della natura e della vita umana .."
Emmeu interviene sulle mappe con le sue figure geometriche astratte che sembrano dare alla carta geografica una vera e propria dimensione tridimensionale.

Luogo Comune raffigura lo scioglimento dei ghiacciai sulla mappa del Cile, il predominio economico della Cina, il coccodrillo che sovrasta la città di New York, PolarBear manifesta la sua preoccupazione per il tema ambientale con i due cetacei in Oceania che implorano “Don’t make us history”, mentre Alessandra Carloni dipinge i suoi “racconti onirici”, a partire dal romanzo di Moby Dick, qui trasposto in chiave ludica e surreale, essendo ambientato nel New Bedford, Nantucket nell’Oceano Atlantico.

“The Blue Crane” di Daniele Tozzi riporta sulla cartina del Sud Africa la bellissima frase di Nelson Mandela “Education is the most powerful weapon which you can use to change the world”.

La mostra è a cura di Edoardo Marcenaro.
Art makes you travel again
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com