Mostra Art Déco. Gli anni ruggenti in Italia - Forlì

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 07/02/2017 Aggiornato il 07/02/2017

Con la definizione Art Déco ci si riferisce a quel gusto e a quel linguaggio che hanno caratterizzato la produzione artistica italiana ed europea negli anni Venti. Uno stile eclettico, mondano, internazionale che ha influenzato a livelli diversi tutta la produzione di arti decorative, dagli arredi alle ceramiche, dai vetri ai ferri battuti, dall'oreficeria ai tessuti alla moda, la forma delle automobili, la cartellonistica pubblicitaria, la scultura e la pittura in funzione decorativa. L'obiettivo della mostra è quello di presentare il livello qualitativo, l'originalità e l'importanza che le arti decorative moderne hanno avuto nella cultura artistica italiana, connotando i caratteri del Déco anche in relazione alle arti figurative: la grande pittura e la grande scultura. Sono esposte le opere di Galileo Chini, pittore e ceramista, insieme a quelle di grandi maestri come Vittorio Zecchin e Guido Andloviz, dei maestri faentini Domenico Rambelli, Francesco Nonni e Pietro Melandri; le invenzioni del secondo futurismo di Fortunato Depero e Tullio Mazzotti; i dipinti, tra gli altri, di Severini, Casorati, Martini, Cagnaccio di San Pietro, Bocchi, Bonazza, Timmel, Bucci, Marchig, Oppi accanto alla produzione della Richard-Ginori ideata dall'architetto Gio Ponti e da esempi francesi, austriaci e tedeschi, fino agli Stati Uniti e al Déco americano nei primi anni Trenta. La mostra è curata da Valerio Terraroli, con la collaborazione di Claudia Casali e Stefania Cretella, ed è diretta da Gianfranco Brunelli. Antonio Paolucci presiede il comitato scientifico.

Dal al
Forlì (FO)
ATTENZIONE
Le mostre sono aperte secondo le modalità previste dalla legge vigente in materia anticovid. Da venerdì 6 agosto all’ingresso di musei, mostre, altri istituti e luoghi della cultura è necessario esibire il documento di identità e il Green pass o il certificato di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 o il risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido. Possono inoltre esservi modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ) da verificare direttamente sul sito degli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Emilia Romagna
Luogo: Musei di San Domenico, piazza Guido da Montefeltro 12
Telefono: 199/151134; per scuole e gruppi 0543/36217; Sito: www.mostradecoforli.it
Orari di apertura: 9,30-19; sabato e domenica 9,30-20. Lunedì chiuso
Costo: 12 euro; ridotto 10 euro
Art Déco. Gli anni ruggenti in Italia
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com