Mostra Architettura Invisibile. Movimenti degli architetti italiani e giapponesi degli anni ’60 e ’70 e i dibattito contemporaneo - Roma

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 17/01/2017 Aggiornato il 17/01/2017

Il progetto presenta in una nuova chiave di lettura comparativa le esperienze di due avanguardie architettoniche, quella dei Metabolisti in Giappone e quella dei Radicali in Italia degli anni Sessanta e Settanta e le idee portate avanti dai loro successori contemporanei nei due paesi. Vengono messe a confronto due generazioni di architetti provenienti da contesti diversi e simili al contempo, in un percorso che spiega come il cambiamento delle epoche ha influito sui progetti degli architetti contemporanei. La mostra, curata da Rita Elvira Adamo, mette in evidenza le affinità e le distanze tra le esperienze condotte dai due movimenti. Lungo il percorso espositivo sono presenti i progetti di protagonisti della ricerca architettonica come: Arata Isozaki, Archizoom (Andrea Branzi, Gilberto Corretti, Paolo Deganello, Massimo Morozzi, Dario e Lucia Bartolini), Kiyonori Kikutake, Kisho Kurokawa, Fumihiko Maki, Otaka Masato, Superstudio (Adolfo Natalini, Cristiano Toraldo Di Francia, Roberto Magris, Alessandro Magris, Gian Piero Frassinelli e Alessandro Poli), Kenzo Tange, UFO (Lapo Binazzi, Carlo Bachi, Patrizia Cammeo, Riccardo Foresi, Titti Maschietto, Sandro Gioli).

Dal al
Roma (RM)
ATTENZIONE
Le mostre nelle Regioni che si trovino in zona gialla possono essere aperte con modalità di accesso specifiche (obbligo di prenotazione, orari modificati, contingentamento ingressi, dispositivi di protezione... ), che è bene verificare direttamente con gli organizzatori, prima di recarsi sul posto.
Regione: Lazio
Luogo: Museo Carlo Bilotti, Aranciera di Villa Borghese, viale Fiorello La Guardia
Telefono: 06/0608; Sito: www.museocarlobilotti.it
Orari di apertura: 10-16; sabato e domenica 10-19. Lunedì chiuso
Costo: Ingresso libero
Architettura Invisibile. Movimenti degli architetti italiani e giapponesi degli anni ’60 e ’70 e i dibattito contemporaneo
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com