Mostra Antonio Rovaldi. Il suono del becco del picchio - Bergamo

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 19/05/2020 Aggiornato il 19/05/2020
Dal al
Bergamo (BG)
Regione: Lombardia
Luogo: Ala Vitali dell’Accademia Carrara, via San Tomaso 53
Telefono: 035/270272
Orari di apertura: 15-22 venerdì; sabato e domenica 10-19 fino a fine maggio. Lunedì 1 giugno 15-19, martedì 2 giugno 10-19, poi orari in via di definizione
Costo: 5 euro; ridotto 3 euro. L’accesso al museo potrà avvenire tramite prenotazione e attraverso l’acquisto online dei biglietti (www.ticketlandia.it)
Dove acquistare: www.ticketlandia.it
Sito web: www.gamec.it
Organizzatore: GAMeC in partnership con l’Università di Harvard
Note:
La mostra costituisce un elogio del cammino, dell’attraversamento fisico degli spazi più marginali, e si fonda sull’idea che proprio da questi confini, non solo geografici, ma anche politici e antropologici, possa svilupparsi una rinascita consapevole della società.

L’artista Antonio Rovaldi porta a Bergamo il progetto End. Words from the Margins, New York City, presentato lo scorso novembre presso l’Università di Harvard.

Il progetto presenta la metropoli più iconica al mondo dal punto di vista delle sue periferie e dei bordi estremi dei suoi cinque boroughs, Manhattan, Brooklyn, Queens, The Bronx, Staten Island, lungo i quali Rovaldi ha camminato, e restituisce l’esperienza dell’artista in una serie fotografica capace di rappresentarne la complessità.

Nella sua ricerca, Rovaldi ha affrontato temi come il verde nelle periferie in relazione all’espansione urbanistica, i detriti urbani, il legame tra fotografia e produzione letteraria, e ancora la fotografia come romanzo visivo che si costruisce intorno alla città.

Da questa esperienza è nata una serie di immagini in grado di presentare una New York periferica e meno conosciuta, con le sue vaste lagune in prossimità dell’oceano, svincoli autostradali e zone incolte e non facilmente accessibili.

Oltre alle cinquanta fotografie in bianco e nero in stampa analogica che occupano le pareti dello spazio espositivo, la mostra presenta alcune mappe geografiche realizzate dall’architetto paesaggista Francesca Benedetto che mostrano le trasformazioni urbanistiche, geografiche e meteorologiche della città, accanto a un’installazione sonora e a due sculture in bronzo realizzate appositamente per la mostra.

La mostra è a cura di Lorenzo Giusti, Direttore della GAMeC, insieme a Steven Handel, Visiting Professor di Ecologia alla Graduate School of Design di Harvard e Francesca Benedetto, Design Critic.

Antonio Rovaldi. Il suono del becco del picchio
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com