Mostra Annibale Carracci. Gli affreschi della cappella Herrera - Roma

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 16/11/2022 Aggiornato il 16/11/2022
Dal al
Roma (RM)
Regione: Lazio
Luogo: Palazzo Barberini, via delle Quattro Fontane 13
Telefono: 06/32810
Orari di apertura: 10-19. Lunedì chiuso
Costo: 12 euro; ridotto 2 euro
Dove acquistare: www.ticketone.it/city/roma-216/venue/palazzo-barberini-16406/
Sito web: www.barberinicorsini.org
Organizzatore: Gallerie Nazionali di Arte Antica in collaborazione con il Museo Nacional del Prado e il Museu Nacional d’Art de Catalunya
Note:
Le Gallerie Nazionali di Arte Antica presentano a Palazzo Barberini la mostra dedicata a Annibale Carracci, curata da Andrés Úbeda de los Cobos, vicedirettore del Museo del Prado.

La mostra, che ha avuto due precedenti tappe, al Museo del Prado a Madrid e al Museu Nacional d’Art de Catalunya a Barcellona, riunisce il ciclo di affreschi ideato da Annibale Carracci per la decorazione della cappella di famiglia del banchiere spagnolo Juan Enriquez de Herrera nella Chiesa di San Giacomo degli Spagnoli a piazza Navona.

Negli spazi della Sala Marmi, della Sala Ovale e della Sala Paesaggi di Palazzo Barberini saranno esposti 16 affreschi, la pala d’altare di Annibale Caracci, proveniente dalla Chiesa di Santa Maria in Monserrato degli Spagnoli., una selezione di disegni, un video prodotto dal Museo del Prado che illustra le vicende legate alla genesi della cappella Herrera, agli autori e all'iconografia, alla Chiesa di San Giacomo degli Spagnoli, alla dispersione dei dipinti e al loro restauro.

In particolare nella Sala Marmi è stata ricostruita una struttura nelle uguali proporzioni della Cappella, all’interno della quale sono stati inseriti gli affreschi secondo la sequenza originaria del ciclo.

Annibale Carracci ricevette la commissione nei primi anni del Seicento, ideò l'intero ciclo dedicato al santo francescano Diego di Alcalá ed eseguì alcuni degli affreschi, finché nel 1605 la grave malattia che lo colpì - e dalla quale non si riprese più - lo costrinse ad affidarne l'esecuzione a Francesco Albani e a un piccolo gruppo di altri collaboratori, tra i quali Domenichino, Giovanni Lanfranco e Sisto Badalocchio. Carracci, con il probabile intervento degli aiuti, dipinse anche la pala d'altare, ora in una cappella della Chiesa di Santa Maria in Monserrato degli Spagnoli e, in occasione di questa mostra, eccezionalmente riunita agli affreschi che la circondavano nella cappella Herrera.

Nel XIX secolo la cappella fu smantellata e nel 1830 gli affreschi furono staccati, trasferiti su tela e portati nella Chiesa di Santa Maria in Monserrato degli Spagnoli. Poco dopo furono inviati in Spagna e divisi tra il Museo del Prado a Madrid e l’Accademia Reale Catalana di Belle Arti di Sant Jordi di Barcellona.

Attualmente sette frammenti sono conservati a Madrid, nel Museo del Prado, e nove a Barcellona al Museu Nacional d’Art de Catalunya (MNAC). L’ubicazione dei rimanenti tre frammenti di decorazione, che apparentemente furono depositati nella Chiesa di Santa Maria in Monserrato degli Spagnoli, rimane ignota.

Attività didattiche: dal 20 novembre 2022 al 5 febbraio 2023, ogni domenica alle ore 11, salvo le prime domeniche del mese, in programma i laboratori didattici L’atelier dell’artista a cura di Si pArte! ASP dedicato ai bambini tra i 6 e i 12 anni.
I partecipanti avranno l’occasione di conoscere da vicino il mestiere dell’artista e in particolare la figura di Annibale Carracci e di alcuni suoi collaboratori con i quali il maestro ha lavorato alla decorazione della Cappella Herrera.
L’esperienza fatta al museo permetterà ai bambini di realizzare un fumetto personalizzato con i protagonisti conosciuti durante la visita. Attività gratuita con prenotazione obbligatoria all’indirizzo didattica@siparte.net.

Dida: Annibale Carracci, Gli affreschi della cappella Herrera.
Annibale Carracci. Gli affreschi della cappella Herrera
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com