Mostra Angelo Morbelli. Il poema della vecchiaia - Venezia

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 23/10/2018 Aggiornato il 23/10/2018

Torna a Venezia dopo 115 anni il ciclo pittorico "Il poema della vecchiaia" eseguito da Angelo Morbelli (Alessandria, 1853 - Milano, 1919) per la Quinta Esposizione Internazionale d'Arte del 1903, eccezionalmente riunito per l’occasione nei sei dipinti che lo compongono. La mostra, a cura di Giovanna Ginex, con la direzione scientifica di Gabriella Belli, realizzata per omaggiare il pittore a cento anni dalla morte, include una selezione di opere di Luigi Nono, Lino Selvatico, Émile Claus, Ettore Tito e Ignacio Zuloaga, esposte alla Biennale del 1903 e poi acquistate dalle istituzioni veneziane per Ca’ Pesaro. Il poema della vecchiaia è composto da sei dipinti,   Vecchie calzette, Il Natale dei rimasti, Mi ricordo quand’ero fanciulla, Siesta invernale, I due inverni e Sedia vuota, raffiguranti gli ambienti del Pio Albergo Trivulzio di Milano, il maggiore ricovero per anziani indigenti della città.  La mostra restituisce al pubblico e agli studiosi la visione del Poema aggiungendo, attraverso i saggi del catalogo edito da Skira, nuove informazioni, documenti e notizie sulla genesi del tema iconografico, la storia collezionistica ed espositiva di ogni dipinto e delle sue repliche, i contatti internazionali del pittore e la fortuna delle opere, la complessità della tecnica pittorica di un maestro della pittura divisionista.

Dal al
Venezia (VE)
Regione: Veneto
Luogo: Ca' Pesaro, Galleria Internazionale d'Arte Moderna, Santa Croce 2076
Telefono: 848/082000
Orari di apertura: 10-18 fino al 31 ottobre; 10-17 dal 1° novembre
Costo: 14 euro; ridotto 11,50 euro
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l'esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.