Mostra Alza lo sguardo, scopri la bellezza - Cellatica

Manuela Vaccarone
A cura di Manuela Vaccarone
Pubblicato il 19/05/2020 Aggiornato il 19/05/2020
Dal al
Cellatica (BS)
Regione: Lombardia
Luogo: Casa Museo della Fondazione Paolo e Carolina Zani, via Fantasina 8
Telefono: 030/2520479
Orari di apertura: 9-13 da martedì a venerdì; 10-17 sabato e domenica. Lunedì chiuso
Costo: 10 euro; ridotto 7 euro. L’accesso è consentito solo con visita guidata su prenotazione da effettuarsi sul sito: www.fondazionezani.com
Sito web: www.fondazionezani.com
Organizzatore: Fondazione Paolo e Carolina Zani
Dove acquistare: www.fondazionezani.com
Note:
La Casa Museo della Fondazione Paolo e Carolina Zani propone, accanto alla visita degli ambienti e delle opere all'interno della villa, itinerari guidati per scoprire lo scenografico giardino.

Nella Casa Museo sono custodite oltre 800 opere, tra cui dipinti di Canaletto, Tiepolo, Guardi, Longhi, Boucher, sculture del genovese Filippo Parodi e romane dei Della Porta, accanto a preziosi arredi barocchi e rococò principalmente francesi e veneziani e straordinari oggetti d’arte applicata del XVII e XVIII secolo. Opere raccolte in oltre trent’anni di intensa attività di ricerca dall’imprenditore bresciano Paolo Zani.

Accanto a questi capolavori si possono ora ammirare anche le 400 opere esposte nello scenografico giardino che circonda la villa.
La visita al giardino completa così l’apertura al pubblico di una collezione unica costituita principalmente da opere d'arte francesi, romane e veneziane di età barocca.

Il percorso all'interno del giardino si svolge tra sculture, fontane, elementi architettonici in dialogo con la natura.
Un angolo di mondo in cui si scorgono culture distanti come quelle rappresentate dai papiri egiziani, dai cedri del Libano, dalla Sophora del Giappone, dal Ginepro cinese, dall'accurata selezione di Agavi e da una scenografica serie di macro Bonsai.
Il giardino diviene in contemporanea un museo, un teatro e una Wunderkammer di piante, fiori, animali, sculture antiche, vasi istoriati e fontane.

Tra le sculture del giardino spiccano Due busti femminili in marmo di Carrara, attribuiti a Giusto Le Court (1627-1679), due marmi bianchi di Carrara e marmo giallo con l’Allegoria della Forza e l’Allegoria della Giustizia attribuiti da Federico Zeri a Filippo Parodi (1630-1702),
Due putti con ghirlanda di fiori e tartaruga, opera in pietra di Jan Pieter Van Baurscheit il Vecchio (1669-1728) e una Statua di Atena (Minerva) in rame, realizzata da uno scultore napoletano della fine del XIX, probabilmente nella Fonderia Chiurazzi.

Tra le fontane e i pozzi di maggior rilievo vi sono un Pozzo da parete in marmo bianco (manifattura romana del XVII secolo), un Pozzo esagonale in pietra con stemma gentilizio in altorilievo raffigurante tre pecore, montato su una base esagonale (manifattura veneta del XVI secolo), una Fontana da parete in bianco d'Istria (manifattura bresciana del XVII secolo) e una Fontana Luigi XVI in legno laccato di bianco attribuita allo scultore Nicolas Lhuillier (1736-1793).

I vasi da giardino rappresentano poi un corpus artistico di 51 pezzi di grande valore tra i quali emergono Due vasi vittoriani in terracotta e pietra, copie dall'antico derivate dai modelli dei vasi Warwick e Lante, contrassegnati dal marchio "The Stamford Terra Cotta Company, Blashfields Limited, Stamford", manifattura fondata nel 1858 da John Marriott Blashfield a Stamford, Lincolnshire.

Durante i mesi da giugno a ottobre, oltre alle visite guidate e ai nuovi itinerari di visita tematici, sono stati ideati tre eventi speciali con incontri, workshop, musica e degustazioni sul tema del giardino:

20-21 giugno 2020: benvenuta estate – benessere naturale
12-13 settembre 2020: musica in giardino
3-4 ottobre 2020: benvenuto d’autunno – degustazioni guidate.



Alza lo sguardo, scopri la bellezza
AVVERTENZA: la Redazione non assume alcuna responsabilità, e pertanto non potrà essere ritenuta responsabile, per eventuali errori di indicazione delle date dei vari eventi che sono da considerare puramente indicative. Invitiamo i lettori a verificare l’esattezza delle date e degli orari di svolgimento delle varie manifestazioni, contattando preventivamente gli organizzatori ai numeri di telefono corrispondenti o visitando il sito web corrispondente.
Per segnalare una mostra scrivere a eventi@cosedicasa.com