Pulizie di casa con rimedi fai da te, preparando da soli detergenti naturali. 10 problemi risolti

Pulire le tante e diverse superfici di casa con rimedi fai da te, preparando da soli detergenti naturali. Oppure ricorrendo a prodotti di formulazione industriale specifici per la cura di ogni materiale
Floriana Morrone
A cura di Floriana Morrone, Antonia Solari, Giovanna Strino
Pubblicato il 15/04/2020 Aggiornato il 15/04/2020
Pulizie di casa con rimedi fai da te, preparando da soli detergenti naturali. 10 problemi risolti

In questo momento storico in cui a causa del Coronavirus ci ritroviamo chiusi in casa, volenti o nolenti, in molti si stanno dando alla cucina, al fai da te e alle grandi pulizie, cui siamo tenuti a maggior ragione ora che dobbiamo proteggerci dal Covid-19Disinfettare è quasi d’obbligo ma con le dovute cautele e attenzioni, perché i prodotti che si utilizzano allo scopo possono irritare le vie respiratorie e vanno usati secondo le disposizioni dei produttori, nelle dosi indicate, diluiti oppure no, e soprattutto sciacquando le superfici e aerando i locali dopo l’uso.

Per le pulizie “di fino”, allora, per affrontare la primavera con una casa fresca e profumata, questa potrebbe essere l’occasione giusta per utilizzare qualche prodotto alternativo, più naturale e preparato col fai da te, magari anche per porre rimedio a tutti i piccoli “incidenti” trascurati, come le macchie persistenti, i cattivi odori, il calcare…

Per far fronte con leggerezza a tutte queste incombenze, ecco qualche suggerimento intramontabile che punta molto sul fai da te, rivalutando i vecchi consigli della “nonna”, considerando però anche quei prodotti professionali specializzati nell’eliminazione di ogni tipo di sporco.

Materiale occorrente per pulire in modo naturale

  • Aceto di vino bianco e di mele
  • bicarbonato
  • sapone di Marsiglia
  • spazzola morbida
  • giornali
  • guanti panni/stracci/spugne
  • sapone di marsiglia
  • aspirapolvere
  • nebulizzatore vuoto

 

Sapone di Marsiglia passepartout

Tanto pratico e versatile quanto efficace, è uno sgrassante eccezionale, ma ha anche proprietà antisettiche. Perché sia veramente naturale, è necessario che sia a base di olio di oliva (almeno al 72%), con l’aggiunta di soda (sodium olivate) cioè estratta dall’olio di oliva oppure sodium cocoate estratta dall’olio di cocco. Non deve contenere sodium tallowate che invece deriva da scarti industriali. Insuperabile per un bucato perfetto, è utilizzabile per detergere a fondo qualsiasi superficie o materiale. E, solo se totalmente naturale, può essere utilizzato anche per l’igiene personale.

Bicarbonato alleato formidabile

L’ampio utilizzo si deve alle sue numerose proprietà che permettono di sostituire molti detergenti contenenti sostanze chimiche. Infatti è solubile in acqua, abrasivo in modo delicato, fungistatico, delicatamente alcalino, non combustibile. Dal punto di vista chimico, il bicarbonato di sodio è l’idrogenocarbonato di sodio (NAHCO3) ed è un neutralizzante naturale perché mantiene stabile, intorno a 8, il pH delle soluzioni. Tra i vantaggi: “addolcisce” l’acqua in cui viene disciolto ed evita quindi la formazione di calcare, funziona come agente lievitante in cucina, igienizza i cibi ed è perfetto per lavare frutta e verdura.

Impacco naturale per superfici in pietra da preparare da sé

Ecco una “maschera di bellezza” fai da te ed ecologica per dare splendore alle delicate superfici di pietra. La ricetta: prendere del gesso e bagnarlo con acqua, fino a creare una crema abbastanza liquida da essere spalmata sui pavimenti. Lasciare riposare 1/2 ora, spolverare il gesso in eccesso. Infine lavare con saponedi Marsiglia e risciacquare.

Insetticida naturale fai da te

In una pentola, unire 100 gr di scaglie di sapone di Marsiglia a circa un litro di acqua e 50 ml di olio di semi. Fare sciogliere a fuoco basso, mescolando bene. Lasciare raffreddare il composto e versarne due cucchiai in un nebulizzatore pieno di acqua. Spruzzare ogni tre giorni piante, foglie e gambi: il sapone disinfetterà e allontanerà i parassiti.

Spray fai da te multiuso per tutte le superfici lavabili

Sciogliere due cucchiai di sapone di Marsiglia in scaglie in mezzo litro di acqua bollente, poi aggiungere 10 gocce di olio essenziale di agrumi. Lasciare raffreddare e versare il composto a temperatura ambiente in un nebulizzatore. Una volta pronto, usare lo spray per pulire piastrelle, fornelli e tutte le superfici lavabili della casa.

1. Come togliere il grasso da pavimenti e tessuti

Olio o alimenti unti sono finiti a terra o hanno sporcato vestiti o cuscini?

Come sempre il consiglio che può rivelarsi fondamentale è quello di tamponare la macchia il più velocemente possibile, con fogli di giornale e lasciare assorbire per qualche secondo. Il secondo step è quello di avvalersi della farina, distribuendola in modo uniforme sull’alone. È consigliabile aspettare un’ora circa prima di rimuoverla con un panno asciutto. Se l’alone non è scomparso completamente, si potrà utilizzare qualche goccia di sgrassatore per pavimenti diluito nell’acqua tiepida. Questo rimedio è indicato per superfici molto traspiranti, come il parquet, ma è efficace anche sulle altre. Se il problema dell’unto riguarda un indumento, bisogna cercare di assorbire subito con carta assorbente, farina di mais o sale. Per quanto riguarda il lavaggio, può essere necessario tenere prima il capo in ammollo con acqua e aceto bianco. Poi si può procedere con un detergente per piatti, strofinato sulla macchia con uno spazzolino da denti. Meglio unire dell’altro aceto bianco se il lavaggio è in lavatrice.

2. Pulire bene lo sporco sul tavolo

Una superficie particolarmente esposta perché utilizzata per molte attività.

Tra le macchie più insidiose ci sono, per esempio, quelle lasciate dai bambini che hanno disegnato e colorato con i pennarelli. Ma per pulire a fondo ed eliminare ogni segno, bisogna considerare il materiale di cui è composta la superficie. Legno. Passare una spugnetta non abrasiva, imbevuta in una miscela di aceto di mele ed acqua. Sconsigliati, invece, ammoniaca e bicarbonato. Si può usare anche una spazzola morbida, seguendo la venatura del legno. È preferibile asciugare bene dopo l’intervento. È bene ricordare che, anche se la superficie in legno è protetta, deve essere sempre tenuta asciutta per evitare la formazione di muffe. Laminato. Per una pulizia approfondita di questo tipo di superficie è opportuno passare un panno umido, imbevuto di una soluzione di acqua e sapone di Marsiglia e poi asciugare accuratamente. Non utilizzare prodotti anticalcarei a base acida, candeggina o prodotti a base di cera che potrebbero formare aloni. No anche a pagliette in acciaio e prodotti contenenti paste abrasive. Corian. Con una spugna leggermente abrasiva imbevuta di una piccola quantità di sapone di Marsiglia, strofinare delicatamente. Successivamente risciacquare con acqua calda. Granito e Marmo. È opportuno utilizzare esclusivamente acqua e sapone neutro, evitando ogni sorta di detergente che potrebbe corrodere e macchiare la superficie. Nel caso di macchie particolari è importante intervenire tempestivamente per evitare che il materiale assorba. Acciaio. L’ideale per pulire le superfici che richiedono brillantezza è l’aceto di vino bianco, da applicare e poi risciacquare con cura.

3. Via il caffè dai tessuti

Il più classico dei problemi.

Anche in questo caso bisogna intervenire tempestivamente. Sul cotone, se la macchia è fresca, utilizzare una soluzione di acqua gassata e glicerina. Se la macchia è già secca, meglio ricorrere al sapone di Marsiglia. Su un capo di pelle o ecopelle, è adatto il latte. Se si tratta di velluto è più efficace il sapone per i piatti, sciolto in acqua tiepida. Per togliere le macchie di caffè o tè dalla porcellana, ricoprire con una pastella di acqua e bicarbonato, lasciare asciugare e risciacquare.

4. Eliminare le macchie di vino dagli imbottiti

Dai cuscini delle sedie a divani e poltrone: attenzione al tipo di tessuto.

Un rimedio efficace è il succo di limone da applicare direttamente sulla macchia, meglio se miscelato a un po’ di sapone liquido neutro. Lasciare agire almeno quindici minuti prima di risciacquare. Se si tratta di tessuti delicati si può utilizzare del succo di limone concentrato. Per le macchie di vino già secche su tessuti resistenti si usa il vino bianco miscelato con bicarbonato.

5. Depositi di calcare addio

Guerra agli aloni chiari o grigi su sanitari, lavelli e rubinetteria.

Un composto non troppo fluido, preparato con bicarbonato, sale grosso e aceto, va passato sulle aree incrostate e lasciato riposare 10 minuti. Dopo si utilizza, con gesti energici, un panno morbido e poi si risciacqua con acqua calda. Si può procedere così anche per liberare sifoni e tubature dalle incrostazioni. Un impasto alternativo è quello con il cremor tartaro, un agente lievitante naturale estratto dall’uva. Lo si usa anche per alcune ricette culinarie.

6. Stop ai cattivi odori nella lavatrice

La causa? I lavaggi a basse temperature e i residui di acqua o sapone nella guarnizione dell’oblò.

È consigliabile un lavaggio a vuoto, utilizzando aceto di vino bianco al posto del detersivo e alla massima temperatura, in modo da distruggere tutti i batteri, che ovviamente, a basse temperature, continuano a proliferare nella lavatrice. È importante, dopo ogni lavaggio, lasciare aperto l’oblò, in modo che l’interno sia arieggiato e il cestello si possa asciugare bene. Ma conta anche mantenere sempre puliti i filtri e il cestello: per entrambi si può utilizzare un impasto di acqua e cremor tartaro. In alternativa si può preparare una miscela contro la muffa con 2 litri d’acqua, il succo di due limoni e mezza tazza di acqua ossigenata da 30 volumi, da erogare su guarnizione e nel cestello con l’aiuto di uno spruzzino. Dopo 5 minuti, si asciuga e si procede con un lavaggio a vuoto a 60 °C.

7. Macchie sui tappeti

La tempestività è il miglior alleato nella rimozione dello sporco, soprattutto quando si tratta di fibre tessili.

Versare una quantità abbondante di bicarbonato, strofinando delicatamente con una spazzola pulita e dalle setole morbide. Lasciare agire per una notte intera. Al mattino eliminare il bicarbonato aiutandosi con un aspirapolvere. In caso di tappeti particolarmente rovinati o maleodoranti, passare invece una soluzione di acqua e aceto di vino bianco, avendo cura poi di farlo asciugare bene.

8. Come evitare gli aloni sui vetri

La colpa è del calcare contenuto nell’acqua, ma anche dei detergenti non adatti.

Il rimedio intramontabile è la carta di giornale (quella dei quotidiani), efficace grazie al suo contenuto di piombo. Dopo averla inumidita con spruzzi di acqua si procede a eliminare gli aloni.

9. Contrastare la polvere negli ambienti

Oltre che antiestetica, non è salubre, in quanto portatrice di acari.

Si può contrastare la proliferazione di questi nemici invisibili abbassando il tasso di umidità dell’aria indoor, con un deumidificatore o aerando i locali soprattutto nelle ore serali, quando l’aria è più fresca e meno umida. Per eliminare la polvere da materassi e cuscini del letto, preparare un infuso intenso in acqua tiepida con 2 bustine di tè. Nebulizzare il liquido e lasciare asciugare molto bene, meglio se direttamente al sole. Il trattamento va ripetuto costantemente. Per eliminare gli acari dall’interno dell’aspirapolvere, porre nel sacchetto raccoglipolvere una bustina da tè inumidita. Perché l’operazione sia efficace sostituire la bustina ogni 2 settimane.

10. Via i batteri persino dal prato sintetico (per chi ce l’ha)

L’alternativa possibile al verde naturale si può sanificare e pulire senza problemi.

Per combattere i batteri, è sufficiente una soluzione di aceto di vino bianco e acqua (in parti uguali) da spruzzare su tutta la superficie. Per togliere le macchie di sporco, invece, strofinare delicatamente con una miscela composta da 300 g di detergente in polvere e 1 cucchiaino d’acqua.

 

Tratto da Cose di Casa di ottobre 2019

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 3.33 / 5, basato su 3 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!