L’arte del recupero: dipingere la vecchia sedia per un cambio di look incisivo

Monica Cresci
A cura di
Pubblicato il Aggiornato il 04/08/2018

Nuova vita per la sedia anni '60, reinterpretata con disegni geometrici e colori forti. Il risultato? Due sedute da esposizione!

Anche se non si ha una grande manualità, pitturare una sedia non è affatto difficile, specie se si sceglie la tinta unita. Più complicato, in effetti, se si vogliono creare disegni, anche geometrici. Ecco allora qualche piccolo consiglio per ottenere un buon risultato. Basta seguire questi facili passaggi e… il gioco è fatto!
In legno e metallo, le due sedie della foto sotto sono state rinnovate con un facile lavoro che le ha rese uniche.

Sedie Recupero Maggio_Claro1

Lampada Rusty di Novità Home (www.novitahome.com); casetta e cocorite di MI.HO.(www.mihounexpected.it); tazze con decoro Pakkanen di Marimekko da J&V Store (ww.jannellievolpi.it).

dipingere la vecchia sedia

dipingere la vecchia sedia

Le sedie della foto sono state pitturate in più colori, ma una valida (e più semplice) alternativa è quella di scegliere un colore pieno come variante per tutti gli elementi (gambe, seduta e schienale).


sedie colorate

In alternativa si possono creare motivi geometrici a contrasto come nel nostro esempio. Quando si tratta di pennelli e colori, a meno che non si debba ottenere un risultato preciso, è anche bello improvvisare! Per esempio dipingendo le gambe delle sedie a tinte diverse. Spicchi di verde e di azzurro, triangoli in rosa shocking e viola, il colore must del 2018: qui lo sfondo è il legno naturale, con la sua tonalità noce, ottima base per qualunque cromia. Le vernici scelte hanno finitura opaca per un effetto soft.

Gli abbinamenti vincenti

Variazioni sul tema? Oppure, semplicemente, sfumature che meglio si intonano all’arredamento della propria abitazione? Giocare con i colori è un piacere, basta seguire delle piccole regole per ottenere sempre un risultato armonioso. Per prima cosa, scegliere tra tinte calde (le gamme dall’arancione al rosso) e fredde (dal verde al blu, fino al viola) e poi, via con gli accostamenti fuori dagli schemi, come quelli proposti. È possibile anche scegliere un unico colore e divertirvi con le sue diverse sfumature, creando effetti tono su tono.

Colori

Materiale occorrente
  • 2 sedie di recupero in legno e metallo;
  • 1 vasetto di primer all’acqua per legno e ferro
  • 1 vasetto di pitture all’acqua per ogni colore scelto
  • 1 pennello l 1 rotolo di nastro adesivo di carta
  • 1 paio di forbici
  • 1 matita
  • 1 righello
  • 1 barattolo di vernice protettiva all’acqua (si ringrazia La Spilleria, www.la spilleria.it)
Sedie Recupero Maggio Step 1_Claro1

Pulire accuratamente le sedie con un panno e un detergente, ripassarle con acqua e farle asciugare. Dipingere con il primer bianco, che farà da base a tutti i colori, la parte in ferro della struttura (gambe e scheletro della sedia). Lasciare asciugare per 24 ore.

Sedie Recupero Maggio Step 2_Claro1

Definire su seduta e schienale le parti da colorare, aiutandosi con matita e righello, così da ricavare sagome precise. Proteggere il perimetro dei disegni con due strati di nastro adesivo per  impedire che il colore sporchi le parti non interessate.

Sedie Recupero Maggio Step 3_Claro1

Dipingere la zona da colorare con una mano di primer, stendendo in modo uniforme senza diluire troppo. Lasciare asciugare per 12 ore e ripetere l’operazione.

Sedie Recupero Maggio Step 4_Claro1

Dipingere le geometrie che sono state disegnate con una mano di pittura all’acqua. Lasciare asciugare, quindi ripetere l’operazione per ottenere una tinta piena e definita. A fine lavoro stendere un velo uniforme di vernice protettiva.

Styling: Monica Cresci
Foto: Andrea Baguzzi