Dipingere un mobile: relooking fai da te con una resina decorativa

Come dare un nuovo aspetto a un vecchio mobile e quali prodotti usare? Ecco un esempio di relooking realizzato con una resina decorativa, a bassissimo contenuto di VOC, supercoprente e adatta a tutte le superfici...

Monica Mattiacci
A cura di Monica Mattiacci
Pubblicato il 30/08/2022 Aggiornato il 06/09/2022
mobile fai da te resina arredo

Resina Arredo primaedopo

Quando un mobile non piace più, in genere è la finitura, il colore, a non essere più in linea con l’evoluzione del gusto personale. Se però è in buone condizioni, dargli un nuovo volto è un intervento che consente di risparmiare sull’acquisto di altri arredi e di non incrementare la quantità di rifiuti destinati alla discarica. Che sia in vero legno oppure in laminato o nobilitato, lo si può rinnovare con una nuova finitura, pitturandolo con smalti o resine.

Vediamo l’esempio di un relooking con una resina decorativa con bassissime emissioni di sostanze organiche volatili (Spaziocontinuo), per superfici interne e complementi d’arredo, idonea per sovrapposizioni e persino per pavimenti riscaldanti.

  • vecchio mobile da dipingere
  • Si pulisce il mobile con un panno soffice e una spugna imbevuta di alcool denaturato per rimuovere sporco e grasso. ResinaArredo EVO si stende a pennello o con rullo in moltoprene, versandolo in una vaschetta con scivolo.
  • piano pitturato per metà con resina bianca
  • La capacità di adesione e l’elevata coprenza sono subito evidenti: il lavoro procede rapidamente
  • Attendiamo circa 3 o 4 ore per stendere una seconda mano e ottenere un risultato perfetto. Qualora la superficie sia di piccole dimensioni è possibile effettuare delle miscelazioni parziali dei componenti, evitando inutili sprechi. Si consiglia di utilizzare in questi casi una bilancia di precisione e di miscelare i componenti rispettando il rapporto d’impasto
  • resina arredo seconda mano bis

ResinaArredo

Come applicare la resina decorativa sul mobile

I due componenti della resina utilizzata (ResinaArredo EVO) sono già predosati nelle rispettive confezioni. Per la preparazione, versiamo tutto il componente B dentro al flacone del componente A, richiudiamo con il sottotappo ed il tappo a vite e agitiamo vigorosamente fino a completa omogeneizzazione.

resina arredo stesura

Si pulisce il mobile con un panno soffice e una spugna imbevuta di alcool denaturato per rimuovere sporco e grasso. Si stende la resina a pennello o con rullo in moltoprene, versandolo in una vaschetta con scivolo.

resina arredo copertura

La capacità di adesione e il livello di copertura sono subito evidenti: il lavoro procede rapidamente.

resina arredo stesura seconda mano

Attendiamo circa 3 o 4 ore per stendere una seconda mano e ottenere un risultato perfetto. Qualora la superficie sia di piccole dimensioni è possibile effettuare delle miscelazioni parziali dei componenti, evitando inutili sprechi. Si consiglia di utilizzare in questi casi una bilancia di precisione e di miscelare i componenti rispettando il rapporto d’impasto.

Si procede con una seconda passata della resina.

resina arredo seconda mano bis

 

Tipi di resine decorative

Ci sono resine decorative adatte a diverse superfici, per il total look della casa ed è possibile quindi decorare mobili, pavimenti o pareti con resine in perfetto abbinamento cromatico. Per esempio, il programma Spaziocontinuo comprende tre macro famiglie di prodotti a base acqua, eco-compatibili e flessibilizzati, specifici per rivestire arredi, pavimenti e pareti di abitazioni, uffici e negozi: Wall &Floor famiglia epossidica all’acqua a due/tre componenti per pavimenti e pareti; Interior Wall famiglia pronta all’uso per pareti; Total Look: famiglia a due componenti ma poliuretanica, per superfici interne ma soprattutto per complementi d’arredo.

Di quest’ultima famiglia di prodotti fa parte ResinaArredo EVO, la finitura decorativa supercoprente usata per questo fai da te e indicata per rinnovare e ridisegnare gli ambienti con colori saturi e vivaci, idonea per sovrapposizioni e pavimenti riscaldanti. Si tratta di una resina liquida, facile da applicare a rullo, pennello o airless disponibile in due versioni Glossy e Satin, disponibile in 27 colori ma anche su richiesta in qualsiasi tonalità delle scale NCS e RAL. A bassissima emissione di sostanze organiche volatili (VOC) conforme alla classe A+ (Émission dans l’air intérieur –Regolamentazioni francesi), ha elevato potere adesivo che la rende idonea per rivestire molteplici materiali (ceramica, cemento, intonaco, legno, alluminio, ferro, PVC, MDF).

 

Interior design: relooking di mobili e ambienti

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.03 / 5, basato su 39 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!