Tavolino effetto mosaico

Avete un vecchio tavolino in metallo e volete trasformarlo in qualcosa di nuovo? Guardate come ridipingerlo e decorarlo a finto mosaico.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 23/06/2016 Aggiornato il 12/09/2016
Tavolino effetto mosaico

Per recuperare un vecchio tavolo da giardino in metallo si possono usare gli appositi smalti ma, per renderlo ancora più bello, si possono usare le stesse vernici per realizzare un finto mosaico sul piano. Serve un po’ di pazienza ma il risultato è garantito.

Carteggiate il tavolo per uniformare il fondo, insistendo soprattutto sui punti con la ruggine (Foto 1).
Diluite leggermente la vernice con un po’ di acquaragia e passate una prima mano di smalto bianco opaco antiruggine su tutto il tavolo, compresi il piano (Foto 2). Fate asciugare per 24 ore. Per il piano preparate un grigio chiaro con molto bianco e aggiungendo a poco a poco gocce di nero. Preparatene in abbondanza e mescolate bene. Se necessario diluite con pochissima acquaragia e passate una mano sul piano (Foto 3). Conservate il grigio avanzato in un barattolo di vetro con coperchio per la seconda mano e gli eventuali ritocchi. Immergete subito il pennello in acquaragia e poi lavarlo con acqua e sapone. Conservate l’acquaragia rimasta nel barattolo col coperchio perché basterà per tutto il lavoro. Fate asciugare tutto per 24 ore.

Se volete, date una seconda mano di grigio al piano e una di bianco sulle gambe. Aspettate altre 24 ore.
Durante i tempi di attesa cercate un disegno semplice da adattare al tavolo e riportatelo su un foglio di carta tagliato a misura del tavolo. Si può stampare a misura del tavolo un disegno già pronto e utilizzarlo per velocizzare il lavoro oppure si può creare da soli uno schema con riga e compasso.

Per il disegno proposto, si deve ritagliare un tondo di carta da pacco della misura del tavolo e con la riga tracciare 16 diagonali per dividere il cerchio in 32 spicchi (Foto 4). Su un raggio, segnate dei punti partendo dal centro a 5; 7; 11;13; 18; 20 e 28 cm. Puntando il compasso al centro, disegnate altri cerchi utilizzando questi punti (Foto 5).
Basandovi sugli incroci di cerchi e linee, ricopiate lo schema seguendo le misure come da disegno (Foto 6).
Ritagliate l’interno dei riquadri, ricavando una sorta di stencil da utilizzare per la pittura delle tessere (Foto 7).
Posizionate il disegno sul piano del tavolo e fissatelo con del nastro carta (Foto 8). In un piattino mescolate in modo approssimativo due parti di bianco e due di nero per ottenere un grigio scuro non uniforme e, con un po’ di pazienza, riempite i riquadri di tanti quadratini da un centimetro circa, partendo dal centro e andando verso i bordi.

Per facilitare il lavoro, procuratevi un pennellino piatto, largo meno di un centimetro (Foto 9). Per rendere il mosaico più reale, dipingete le tessere in modo un po’ irregolare e usando grigi più chiari e più scuri. Togliete lo schema di carta e fate asciugare una giornata (Foto 10). Fate la stessa cosa con il bianco, creando delle tessere più chiare e alcune più sbiadite (Foto 11). Con il grigio chiaro del piano, correggere gli eventuali errori ed eseguire i ritocchi.
Il mosaico è finito (foto 12) e, una volta fatto asciugare per 24 ore, il tavolo è pronto per essere usato.

Non gettate l’acquaragia rimasta negli scarichi ma fatela evaporare per qualche giorno togliendo il coperchio prima di buttare il barattolo.

Materiale occorrente
  • Tavolo in metallo con piano liscio
  • Smalto opaco bianco e nero antiruggine per legno e metallo
  • Pennello piatto grande e un piatto piccolo largo un centimetro scarso
  • Carta da pacco
  • Carta grafite
  • Matita o penna
  • Pennarello
  • Forbici
  • Compasso
  • Nastro carta
  • Piatti di plastica
  • Carta da cucina
  • Acquaragia
  • 2 barattoli di vetro con coperchio

Lavoro realizzato da Samantha – http://samanthaceccobelli.jimdo.com – Clicca sulle immagini per vederle full screen

 

 

Carteggiate il tavolo per uniformare il fondo, insistendo soprattutto sui punti con la ruggine.

Carteggiate il tavolo per uniformare il fondo, insistendo soprattutto sui punti con la ruggine.

Diluite leggermente la vernice con un po’ di acquaragia e passate una prima mano di smalto bianco opaco antiruggine su tutto il tavolo, compresi il piano.

Diluite leggermente la vernice con un po’ di acquaragia e passate una prima mano di smalto bianco opaco antiruggine su tutto il tavolo, compresi il piano.

Per il piano preparate un grigio chiaro con molto bianco e aggiungendo a poco a poco gocce di nero. Preparatene in abbondanza e mescolate bene. Se necessario diluite con pochissima acquaragia e passate una mano sul piano.

Per il piano preparate un grigio chiaro con molto bianco e aggiungendo a poco a poco gocce di nero. Preparatene in abbondanza e mescolate bene. Se necessario diluite con pochissima acquaragia e passate una mano sul piano.

Per il mio disegno, ho ritagliato un tondo di carta da pacco della misura del tavolo e con la riga ho tracciato 16 diagonali per dividere il cerchio in 32 spicchi.

Ritagliare un tondo di carta da pacco della misura del tavolo e con la riga tracciate 16 diagonali per dividere il cerchio in 32 spicchi.

Su un raggio ho segnato dei punti partendo dal centro a cm 5; 7; 11;13; 18; 20 e 28. Puntando il compasso al centro, ho disegnato altri cerchi utilizzando questi punti.

Su un raggio segnare dei punti partendo dal centro a 5; 7; 11;13; 18; 20 e 28 cm. Puntando il compasso al centro, ho disegnato altri cerchi utilizzando questi punti.

Basandovi sugli incroci di cerchi e linee, ricopiate lo schema seguendo le misure come da disegno.

Basandovi sugli incroci di cerchi e linee, ricopiate lo schema seguendo le misure come da disegno.

Ritagliate l’interno dei riquadri, ricavando una sorta di stencil da utilizzare per la pittura delle tessere.

Ritagliate l’interno dei riquadri, ricavando una sorta di stencil da utilizzare per la pittura delle tessere.

Posizionate il disegno sul piano del tavolo e fissatelo con del nastro carta.

Posizionate il disegno sul piano del tavolo e fissatelo con del nastro carta.

In un piattino mescolate in modo approssimativo due parti di bianco e due di nero per ottenere un grigio scuro non uniforme e, con un po’ di pazienza, riempite i riquadri di tanti quadratini da un centimetro circa partendo dal centro e andando verso i bordi. Per facilitare il lavoro, procuratevi un pennellino piatto, largo meno di un centimetro.

In un piattino mescolate in modo approssimativo due parti di bianco e due di nero per ottenere un grigio scuro non uniforme e, con un po’ di pazienza, riempite i riquadri di tanti quadratini da un centimetro circa partendo dal centro e andando verso i bordi. Per facilitare il lavoro, procuratevi un pennellino piatto, largo meno di un centimetro.

Per rendere il mosaico più reale, dipingete le tessere in modo un po’ irregolare e usando grigi più chiari e più scuri. Togliete lo schema di carta e fate asciugare una giornata.

Per rendere il mosaico più reale, dipingete le tessere in modo un po’ irregolare e usando grigi più chiari e più scuri. Togliete lo schema di carta e fate asciugare una giornata.

Fate la stessa cosa con il bianco, creando delle tessere più chiare e alcune più sbiadite.

Fate la stessa cosa con il bianco, creando delle tessere più chiare e alcune più sbiadite.

Il mosaico è finito.

Il mosaico è finito.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!