Recupero creativo: la lampada traforata

In un’ottica di risparmio, ma anche di riciclo ed ecosostenibilità, da un oggetto da eliminare se ne può ricavare uno nuovo. Ecco come una cassetta per bottiglie di vino diventa un’originale lampada da tavolo.
Monica Mattiacci
A cura di Monica Mattiacci
Pubblicato il 15/04/2015 Aggiornato il 04/10/2019
Recupero creativo: la lampada traforata

Una cassetta di bottiglie di vino può diventare un’originale lampada da tavolo. Chi desidera può dipingerla per un effetto più vivace e colorato, per esempio per la camera dei ragazzi, oppure scegliere una tinta coordinata a quelle presenti nell’ambiente in cui deve essere inserita. Nella scelta di luci e materiali per realizzare una lampada fai da te, è bene avere alcune semplici accortezze. Per quanto riguarda le lampadine, conviene optare per i led o per altre luci a basso consumo, al fine di evitare un eccessivo surriscaldamento.

Materiale occorrente

scatola bottiglie di vino
foglio opalino di spessore 1 mm
cavo elettrico con rivestimento colorato
scotch di carta biadesivo
fogli con texture stampata da utilizzare come schema per la foratura
una spina 10A
un interruttore
tre mammut per cablaggi
due lampade led per sottopensili

Attrezzi usati

cacciavite
trapano
forbice
lima
taglierino
righello
carta vetrata

Fasi di lavorazione
  • Sul coperchio della scatola, fissare con lo scotch di carta il foglio con la texture che si vuole seguire.
  • Con il trapano forare il coperchio con una punta per legno da 5 mm. Rifinire i fori con carta vetrata e lima.
  • Forare il fondo della scatola con il trapano con una punta da 7 mm per consentire il passaggio del cavo.
  • Sul fondo della scatola, fissare con il biadesivo i ganci dei portalampade su cui poi andranno posizionate le luci
  • con i loro supporti.
  • Collegare le lampade, utilizzando i mammut, al cavo precedentemente inserito all’interno della scatola tramite il foro praticato nel fondo.
  • Tagliare l’opalino (foglio di plastica bianco opaco) con il cutter a misura della scatola e inserirlo nella fessura di scorrimento del coperchio.
  • Anche il coperchio precedentemente forato va inserito della scanalatura di chiusura.
  • Scegliere la lunghezza del cavo desiderata, quindi montare l’interruttore e la spina.

Clicca sulle immagini per vederle full screen

  • 1-faidate-lampada-vino
  • 2-faidate-lampada-vino
  • 3-faidate-lampada-vino-foto1
  • Sul coperchio della scatola, fissare con lo scotch di carta il foglio con la texture che si vuole seguire.
  • 5-faidate-lampada-vino-foto3
  • Con il trapano forare il coperchio con una punta per legno da 5 mm. Rifinire i fori con carta vetrata e lima.
  • Forare il fondo della scatola con il trapano con una punta da 7 mm per consentire il passaggio del cavo.
  • Sul fondo della scatola, fissare con il biadesivo i ganci dei portalampade su cui poi andranno posizionate le luci con i loro supporti.
  • Collegare le lampade, utilizzando i mammut, al cavo precedentemente inserito all’interno della scatola tramite il foro praticato nel fondo.
  • Tagliare l’opalino (foglio di plastica bianco opaco) con il cutter a misura della scatola e inserirlo nella fessura di scorrimento del coperchio.
  • Anche il coperchio precedentemente forato va inserito nella scanalatura di chiusura.
  • Scegliere la lunghezza del cavo desiderata, quindi montare l’interruttore e la spina.
  • Aperta, per avere più luce
  • Chiusa, per atmosfere soft
  • Di Boero: Impregnante protettivo Biolegno Acqua, da 750 ml, 15,33 euro; e Altura Acqua Satinata, da 750 ml, neutro, 25,44 euro. (www.boero.it )

1-faidate-lampada-vino

 

3-faidate-lampada-vino-foto1

 

Sul coperchio della scatola, fissare con lo scotch di carta il foglio con la texture che si vuole seguire.

Sul coperchio della scatola, fissare con lo scotch di carta il foglio con la texture che si vuole seguire.

Con il trapano forare il coperchio con una punta per legno da 5 mm. Rifinire i fori con carta vetrata e lima.

Con il trapano forare il coperchio con una punta per legno da 5 mm. Rifinire i fori con carta vetrata e lima.

Forare il fondo della scatola con il trapano con una punta da 7 mm per consentire il passaggio del cavo.

Forare il fondo della scatola con il trapano con una punta da 7 mm per consentire il passaggio del cavo.

Sul fondo della scatola, fissare con il biadesivo i ganci dei portalampade su cui poi andranno posizionate le luci con i loro supporti.

Sul fondo della scatola, fissare con il biadesivo i ganci dei portalampade su cui poi andranno posizionate le luci con i loro supporti.

Collegare le lampade, utilizzando i mammut, al cavo precedentemente inserito all’interno della scatola tramite il foro praticato nel fondo.

Collegare le lampade, utilizzando i mammut, al cavo precedentemente inserito all’interno della scatola tramite il foro praticato nel fondo.

Tagliare l’opalino (foglio di plastica bianco opaco) con il cutter a misura della scatola e inserirlo nella fessura di scorrimento del coperchio.

Tagliare l’opalino (foglio di plastica bianco opaco) con il cutter a misura della scatola e inserirlo nella fessura di scorrimento del coperchio.

Anche il coperchio precedentemente forato va inserito nella scanalatura di chiusura.

Anche il coperchio precedentemente forato va inserito nella scanalatura di chiusura.

Scegliere la lunghezza del cavo desiderata, quindi montare l’interruttore e la spina.

Scegliere la lunghezza del cavo desiderata, quindi montare l’interruttore e la spina.

 Realizzato da Detail of Us, www.detailsofus.blogspot.it

 

Aperta, per avere più luce

A lampada ultimata, in base alla posizione del coperchio traforato (aperto, cioè più o meno alzato verso l’alto, oppure chiuso) si otterrà una maggiore o minore intensità luminosa. Quando è aperto si ha più luce.

Chiusa, per atmosfere soft

Con il coperchio completamente chiusa, l’atmosfera è più soft.

 

 

 

 

 
 
 
 
 

Per dipingerla la parte di legno

Preferite una lampada colorata? Esistono moltissimi prodotti adatti allo scopo. Prima di tutto, però, è importante preparare bene il supporto, carteggiarlo con foglio abrasivo a grana fine e pulirlo. Se si utilizza un legno resinoso, occorre anche prevedere un pretrattamento con diluente nitro. Una prima mano va data con impregnante protettivo all’acqua. Quando questo è asciutto, dopo almeno 6-7 ore, si può procedere con la vernice per legno, neutra o colorata, da passare in due stesure.

Di Boero: Impregnante protettivo Biolegno Acqua, da 750 ml, 15,33 euro; e Altura Acqua Satinata, da 750 ml, neutro, 25,44 euro. (www.boero.it )

Di Boero: Impregnante protettivo Biolegno Acqua, da 750 ml, 15,33 euro; e Altura Acqua Satinata, da 750 ml, neutro, 25,44 euro. (www.boero.it )

 

 
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!