Tre locali diventano una zona giorno open space

In risposta alla richiesta di una lettrice, con il nuovo progetto del piano terra della casa su due livelli si ottiene un contemporaneo open space, dove le zone funzionali restano ben delimitate. Ecco le planimetrie con le modifiche e alcune proposte d'arredo.
Luisa Bellotto
A cura di Luisa Bellotto
Pubblicato il 28/03/2022 Aggiornato il 30/03/2022
Tre locali diventano una zona giorno open space

Soprattutto quando la casa è su due livelli e il piano terra si compone della sola zona giorno, realizzarvi un unico ambiente migliora notevolmente la percezione degli spazi, che diventano più contemporanei e apprezzabili. Soprattutto perché si amplia la visuale e si potenzia la luminosità, permettendo alla luce naturale di entrare da più punti. Eliminare le pareti non significa, però, abolire la divisione in zone funzionali, che anzi in genere rimangono nei vari progetti sempre ben definite. Come anche nel caso della lettrice Elena B. che ci aveva scritto e che qui vi proponiamo:

Sono alla ricerca di idee per ripensare la zona giorno al piano rialzato del mio appartamento su due livelli. Attualmente è divisa in tre ambienti: soggiorno, tinello e angolo cottura. 

zona giorno posta demolizioni e costruzioni

Demolizioni e costruzioni

Le modifiche all’ingresso

Per caratterizzare maggiormente questa zona, il progetto suggerisce la parziale chiusura del lungo corridoio a lato della scala. Si viene così a creare una piccola anticamera da valorizzare con un particolare colore alle pareti o con una carta da parati. Inoltre si propone di sagomare il primo gradino della rampa che porta al piano superiore per dare risalto alla scala e all’intero ambiente.

zona giorno posta ingresso

Ingresso

 

Zona giorno open space 

Considerate le caratteristiche distributive della pianta, la soluzione proposta mira a creare una zona giorno open space mantenendo invariata la disposizione dei diversi ambienti funzionali.

Nuova quinta per schermare l’entrata

L’intervento di ristrutturazione si traduce dunque nell’eliminazione delle pareti che delimitavano la cucina, con l’eccezione di quella che confinava con il piccolo disimpegno che viene, invece, allungata di circa 50 cm. Si ottiene così una quinta divisoria che scherma parzialmente il nuovo living rispetto all’ingresso. La quinta, pur non essendo in posizione simmetrica rispetto al passaggio, riproporziona gli spazi nell’ambiente: è leggermente traslata dalla parte dell’ex tinello così da ridurre l’area pranzo a favore del salotto e della cucina che rimane, volutamente, nella posizione originaria così da poter sfruttare gli impianti esistenti.

zona giorno posta soggiorno

(1) Lo schermo divisorio è attrezzato sui due lati: dalla parte dell’ingresso è prevista una consolle (1) che offre un piano d’appoggio e un contenitore. Si può completare con una specchiera e una seduta per disporre di un angolo toeletta o di un piccolo scrittoio. Verso la cucina, alla quinta è addossata una serie di moduli a colonna attrezzati con gli elettrodomestici e con moduli adibiti a dispensa e credenza (2).
La zona operativa è risolta con una composizione di sole basi (3) che sfrutta anche lo spazio sotto la finestra. Sulla sinistra, allineato alla finestra, in piena luce, c’è il tavolo da pranzo, un modello ovale (4) all’occorrenza allungabile. Speculare a questa zona, il salotto è organizzato con un divano letto (5), due grandi pouf accostabili (6) e una libreria a tutta parete (7).
* Un mobile basso sul retro del divano accentua la divisione degli spazi e moltiplica i vani per contenere

 

Le nostre proposte per arredare cucina a vista e soggiorno

Grande o piccola che sia la composizione della cucina ha un impatto piuttosto forte nella stanza. Quindi è importante valutare bene la finitura. Il legno ha sempre il pregio di scaldare l’atmosfera, una caratteristica che si addice in modo particolare a questo ambiente conviviale. I mobili in essenza chiara con profili neri hanno uno stile industrial perfetto per gli spazi ampi e aperti come questo.
Da abbinare, per ottenere un buon risultato, un tavolo nelle stesse finiture, un divano in pelle con piedini sottili, lampade essenziali in vetro e metallo. La libreria neutra e sedute vivaci per dare un twist all’insieme.

Cucina Soho Doimo Cucine

Cucina Soho di Doimo Cucine (www.doimo cucine.it)

  • Tavolo allungabile Glamour di Fgf Mobili (www.fgfmobili.it)
  • Poltroncina Pippi di Midj (www.midj.com)
  • Divano Tema di D.Home (www.dhomeitalia.it)
  • Sospensione Alma di Il Fanale (www.ilfanale.com)
  • Composizione Living 558 di Giessegi (www.giessegi.it)
Tavolo allungabile Glamour Fgf Mobili

Tavolo allungabile Glamour di Fgf Mobili (www.fgfmobili.it)

Poltroncina Pippi Midj

Poltroncina Pippi di Midj (www.midj.com)

Sospensione Alma Il Fanale

Sospensione Alma di Il Fanale (www.ilfanale.com)

Divano Tema D Home

Composizione Living 558 Giessegi

Composizione Living 558 di Giessegi (www.giessegi.it)

 

Tratto da Cose di Casa agosto 2019

 

 

Progetti per ripensare cucina e soggiorno

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.5 / 5, basato su 2 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!