Superbonus 110%: quali soggetti ne hanno diritto?

Persone fisiche e condomini, proprietari e inquilini, familiari e conviventi: facciamo il punto sui soggetti che possono fruire del superbonus 110%.
Alessandra Caparello
A cura di Alessandra Caparello
Pubblicato il 23/12/2020 Aggiornato il 23/12/2020
lavori in immobile in locazione

Il Superbonus è l’agevolazione prevista dal Decreto Rilancio che eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici. Ma chi sono i soggetti che possono fruire della maxi detrazione? A rispondere a questa domanda è intervenuta l’Agenzia delle Entrate (circolare n. 24/E) fornendo chiarimenti.

Superbonus 110%: i beneficiari

Il Superbonus al 110% si applica agli interventi effettuati da:

  • condomìni
  • persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento
  • Istituti autonomi case popolari (IACP) o altri istituti che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di “in house providing”
  • cooperative di abitazione a proprietà indivisa
  • Onlus e associazioni di volontariato
  • associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

La detrazione al 110% spetta ai soggetti che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento in base ad un titolo idoneo al momento di avvio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese, se antecedente il predetto avvio. Si tratta, in particolare di:

  • proprietario
  • nudo proprietario
  • titolare di altro diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  • detentore dell’immobile in base ad un contratto di locazione, anche finanziaria , o di comodato, regolarmente registrato, in possesso del consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario
  • familiari del possessore o detentore dell’immobile

Maxi detrazione anche ai familiari e conviventi 

L’Agenzia delle Entrate ha anche precisato che al Superbonus del 110% possono accedere anche i familiari e i conviventi di fatto del possessore o del detentore dell’immobile, sempre che siano loro a sostenere le spese per i lavori. Familiari e conviventi inoltre possono usufruirne del superbonus se sono conviventi alla data di inizio dei lavori o, se antecedente, al momento del sostenimento delle spese.

L’incentivo vale anche per gli interventi su un immobile diverso da quello destinato ad abitazione principale, nel quale può svolgersi la convivenza, mentre non spetta al familiare su immobili locati o concessi in comodato. Ha diritto alla detrazione anche il promissario acquirente dell’immobile oggetto di intervento immesso nel possesso, a condizione che sia stato stipulato un contratto preliminare di vendita dell’immobile regolarmente registrato.

Il Superbonus al 110% è fruibile anche dalle persone che svolgono attività di impresa o arti e professioni, quindi imprenditori e autonomi ma solo sulle unità abitative che rientrano nella sfera privata. 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 2 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!