Rifare la cucina dà diritto alla detrazione del 50%?

È un dubbio che spesso i lettori ci pongono anche in merito al bagno... Rifare la cucina consente di usufruire del bonus ristrutturazione? Specifichiamo...
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/10/2016 Aggiornato il 05/10/2016
ristrutturare la cucina

Per ristrutturare la cucina di un appartamento privato, con sostituzione piastrelle del pavimento e delle pareti, sostituzione della porta a battente con porta interno muro, spostamento tubi alimentazione acqua/gas, spostamento tubo di scarico acqua, si può godere della detrazione fiscale del 50% per ristrutturazione? Tali lavori rientrano nella Manutenzione Straordinaria? È sufficiente presentare una CIL oppure è necessaria la CILA con la relazione asseverata di un professionista?  Risponde lo studio di architettura MODOURBANO, www.modourbano.it.

Una delle questioni principali nell’applicazione delle detrazioni fiscali sui lavori edilizi è definire se gli interventi minori risultino manutenzione ordinaria o straordinaria; la detrazione del 50% per le ristrutturazioni di abitazioni e pertinenze si applica a tutti gli interventi definiti dall’articolo 3, comma 1, del Testo unico dell’edilizia (Dpr 380/2001): manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, con esclusione delle opere di manutenzione ordinaria, detraibili solo se realizzate su parti condominiali del fabbricato.

Il rifacimento della cucina, comprese le tubature e il massetto, ricade nella manutenzione straordinaria (articolo 3, comma 1, lettera b) del Dpr 380/2001). La semplice sostituzione dei rivestimenti o degli apparecchi della cucina, senza intervenire sull’impianto idraulico e le tubature, invece, è inquadrabile come manutenzione ordinaria, le cui spese non sono detraibili.

Per quanto riguarda il titolo edilizio a cui accedere ricordiamo che è il regolamento edilizio a stabilire l’idoneo titolo (Cil, Cila o Scia); si segnala che che non è il provvedimento che stabilisce l’accesso al beneficio fiscale ma è il tipo di intervento (manutenzione straordinaria secondo Dpr 380/2001). Da Comune a Comune quindi sarà possibile effettuare lo stesso tipo di intervento accedendo a titoli diversi o rimanendo in attività edilizia libera in base a quanto indicato dalle norme locali.

Il tipo di intervento prevederà poi, a cura dell’impresa installatrice, l’emissione di idonea conformità per i nuovi impianti da conservare con la documentazione a fini fiscali; si segnala inoltre che una detrazione del 50% spetta anche sulle ulteriori spese sostenute, dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2016, per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica, finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione. 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4 / 5, basato su 4 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!