Monolocale progetti: come nascondere il letto?

Nei monolocali, un obiettivo importante tanto quello di risparmiare spazio è quello di nascondere il letto. Ecco una soluzione con progetto in 3D.

Architetto Ornella Musilli
A cura di Architetto Ornella Musilli, Monica Mattiacci
Pubblicato il 27/01/2024 Aggiornato il 27/01/2024

PROGETTO 1: nascondere il letto con una parete traforata

render monolocale con letto dietro pannelli

In un monolocale la zona notte può essere progettata con elementi d’arredo trasformabili (in genere divano letto) o a scomparsa (perlopiù  letto abbattibile, nascosto cioè in un armadio). Prendiamo in considerazione un monolocale di cui vi presentiamo qui sotto la pianta dello stato di fatto e più in basso quella di progetto e la vista 3D realizzati dall’architetto Ornella Musilli.

pianta stato di fatto monolocale con letto dietro pannelliL’interno del monolocale ha una forma allungata ed un’unica fonte di illuminazione dall’esterno per la zona giorno. Le predisposizioni impiantistiche sono rimaste nella posizione originaria, ma gli ambiti del mini appartamento sono stati riorganizzati con l’intento di ottimizzare la ridotta metratura e renderli funzionali, anche con modifiche di tramezzature e porte, e di ottenere un risultato curato e arredato con pezzi di design.

Gli impianti di bagno e cucina sono disposti entrambi nel muro che confina con l’alloggio adiacente, della stessa proprietà, dove saranno replicati e disposti in modo speculare.

Ambienti ed arredi fissi sono allineati, assecondando la distribuzione e anche il fluire della luce naturale, a scalare verso l’ingresso, con diversa profondità: al bagno segue il volume filtro di servizio che ospita una piccola lavanderia, a seguire c’è il blocco cucina ed infine l’armadiatura con l’elemento terminale a profondità ridotta e a giorno.

pianta progetto monolocale con letto dietro pannelli

 

Ogni centimetro libero lungo la parete è stato fruttato grazie a mobili su misura. La cucina con basi e pensili è compatta ma dotata di tutte le attrezzature necessarie. È stata nascosta alla vista dall’ingresso poiché un portale, in struttura metallica e cartongesso, la delimita ed illumina con faretti Led ad incasso.

Il pannello che divide e scherma la zona notte

Tra le soluzioni adottate quella che caratterizza maggiormente l’interno è una partizione verticale con fori circolari, che scherma l’area notte senza chiuderla, si tratta di una separazione “leggera” realizzata con blocchi forati in gesso ceramico, versatili perché lasciano passare luce e aria e consentono di contenere lo spessore risparmiando spazio.

Una seconda delimitazione della zona notte – una pannellatura a secco che non raggiunge il soffitto se non per un elemento di raccordo e aggancio a esso – si trova all’ingresso dell’appartamento ed ha l’unico scopo di nascondere alla vista la zona con il letto.

Alcuni degli arredi inseriti nel progetto

  1. Schermatura in elementi componibili di gesso ceramico eco friendly verniciabile, Cobogò Vintage di MG12
  2. Piastrelle di rivestimento, decoro mix azzurro lux, Scenario di Marazzi
  3. Tavolo Zoom, sedie A.I., vaso Matellassé e vassoio Jellies Family, di Kartell
  4. Divano Pillow19, tavolini Sen e Chab Table, lampade Elementi e Mogura, di De Padova
  5. Set di immagini, paesaggio blu, Grömby di Ikea

PROGETTO 2: nascondere il letto (già pronto da usare) dietro ante

In questo monolocale si voleva trovare una soluzione per avere un letto già fatto, ma che non fosse visibile di giorno. Ecco la soluzione con progetto 3D dell’architetto Musilli

planimetria stato di fatto monolocale di 35 mq da progettare con arredi su misuraIl monolocale, da utilizzare come residenza temporanea, destinato quindi a soddisfare un’esigenza abitativa limitata nel tempo e relativa a persone che lavorano in una sede diversa da quella abituale, è stato progettato con zone multifunzione per sfruttare al massimo lo spazio con arredi su disegno e su misura.

Sono state dunque identificate due aree alle estremità della casa, in corrispondenza delle rientranze presenti, una formata dalle tramezzature del bagno e l’altra a lato dell’ingresso all’appartamento.

Lo spazio centrale, nel progetto, viene pensato per cucinare, pranzare, studiare o rilassarsi, mentre i due ambiti perimetrali devono essere progettati ad hoc e arredati con soluzioni su misura funzionali e “ingegnose”.

planimetria monolocale 35 mq con letto nascosto

Legenda: 1 bagno, 2 letto su pedana, 3 cucina, 4 soggiorno, 5 guardaroba, 6 ripostiglio

Per il blocco notte/cucina, quindi, viene ideato un sistema particolare con un letto sopraelevato da una piattaforma e schermabile all’occorrenza da persiane pieghevoli in legno. Sotto questa pedana i vani sono dei contenitori apribili dall’alto e sul davanti, dove c’è anche un gradino/libreria. Tutto è estraibile.
La parte alta del sistema-letto è attrezzata da un controsoffitto-ripostiglio apribile, in cui riporre valigie o coperte e biancheria.

La cucina è compatta ed ha pensili e basi con lavello, lavastoviglie, frigo, piano cottura e forno. A sinistra, la porta filomuro dell’antibagno conduce nel locale di servizio retrostante.

 
Monolocale con tavolo su ruote, sedie design, cucina bianca, letto nascosto in nicchia chiusa da pannello in legno

La superficie di monolocale + bagno è di circa 35 mq. Oltre che dall’infisso esterno con balcone, l’illuminazione naturale e l’aerazione sono amplificate da due finestre per tetti. Prodotti inseriti nel progetto: sedie Superleggera di Cassina, poltroncine con ruote Lady di Giorgetti come il tappeto Moonshadow; lampada a sospensione Giò di Artemide

planimetria monolocale 35 mq con letto nascostoDall’altro lato del monolocale, la profondità della rientranza, vicina all’ingresso dell’appartamento, viene aumentata con dei setti per ricavare un contenitore a colonna apribile con anta battente, un guardaroba ed un ripostiglio; questi ultimi si chiudono con due ante scorrevoli a scomparsa, il cui controtelaio, posizionato al centro, ha uno spessore che permette di nascondere anche i collegamenti ed i supporti del televisore a parete.

 

PROGETTO 3: schermare il letto con porte scorrevoli grandi

Nei monolocali uno degli obiettivi principali è quello di schermare il letto, almeno in parte e all’occorrenza. Funzionale, armonioso e sfruttato al centimetro: ecco 3 qualità imprescindibili per un monolocale. E per vivere comodamente in quell’unico ambiente a disposizione, è utile che “la zona notte” possa essere separata o, perlomeno, facile da nascondere quando serve.

In alcuni casi l’unica soluzione possibile per far convivere soggiorno e “camera da letto” è puntare su divani trasformabili. In altri, come in questo, esiste invece la possibilità di avere zona giorno e zona notte separate.

Vediamo il progetto del nostro architetto Elisa Coffinardi in risposta alla lettrice Giovanna M. che ci ha chiesto un consiglio per rendere più funzionale possibile il suo monolocale di circa 30 mq. Vuole isolare, almeno parzialmente, la zona letto dal resto della stanza, limitando il numero degli interventi, tenuto anche conto del fatto che gli attacchi degli impianti della cucina sono predisposti sia sulla parete che confina con il bagno sia su quella opposta e che il parquet esistente è ancora in buono stato, quindi da conservare.

monolocale funzionale prima

Stato di fatto

Dallo stato di fatto al progetto 

La forma dell’appartamento, caratterizzata dalla rientranza del blocco ascensore, con il bagno posto su un lato, tre finestre nell’open space e la doppia predisposizione degli attacchi della cucina, offre una buona base di partenza per poter fruire del monolocale come se fosse un bilocale. È sufficiente, infatti, realizzare piccole porzioni di parete (senza dover intervenire sulla pavimentazione) per poter installare un sistema di pannelli scorrevoli da aprire e chiudere a piacere per isolare la stanza da letto e ricavare anche una zona con la cabina armadio.

monolocale funzionale demolizioni costruzioni

Demolizioni e costruzioni

In sintesi gli obiettivi del progetto

  • ottimizzare anche il più piccolo spazio a disposizione studiando al meglio la disposizione di arredi e complementi
  • selezionare opportunamente mobili e soluzioni salvaspazio 
  • seguire un filo conduttore per colori e finiture 
  • enfatizzare la luce naturale con una buona illuminazione artificiale 

Il punto di partenza: la cucina 

Elemento centrale nella stesura del progetto è la sistemazione dell’angolo cottura: la scelta di una composizione angolare posta di fronte all’ingresso e chiusa sui due lati da due spallette in muratura determina una sorta di piccolo living che lascia spazio alla “camera da letto” dalla parte del bagno. Le due aree funzionali, comunicanti ma divisibili, risultano ben vivibili e con passaggi agevoli. 

monolocale funzionale progetto

Progetto

Separare solo quando serve 

Fra la zona giorno e la zona notte si è scelto di inserire un sistema di pannelli scorrevoli che permette di dividere senza creare strutture fisse. I pannelli si possono scegliere in diversi colori e materiali, realizzare su misura e fissare a parete o a soffitto: un buon mix di versatilità ed estetica, risolutivo negli ambienti piccoli, come questo. Dove può essere necessario installare ante che non raggiungono il soffitto, lasciando passare aria e luce per garantire i rapporti aeroilluminanti, nel rispetto delle dimensioni minime dei diversi ambienti previste dai Regolamenti edilizi. 

L’arredamento del monolocale nel dettaglio 

Di fronte alla porta d’ingresso, la spalletta in cartongesso (1) che definisce una piccola area d’accoglienza e delimita la zona giorno è larga 45 cm. Serve anche a chiudere la composizione della cucina che, su questo lato, termina con un tavolo allungabile utilizzabile anche come scrivania (2). Da affiancare a questo c’è un set di sedie pieghevoli che, quando non servono, si possono appendere al muro. Di fianco al tavolo, la composizione continua con un modulo a colonna che ospita il frigorifero e prosegue con una serie di basi che ospitano le zone lavaggio e cottura, opportunamente intervallate da superfici d’appoggio “libere”.   L’angolo conversazione, invece, è risolto con un divano letto (3) opportunamente sistemato di fronte a un mobile basso porta tv (4) che chiude la composizione della cucina. L’imbottito, posizionato vicino alla nuova parete scorrevole (5), si rapporta con un divano integrato in un modulo multifunzione scelto per la zona notte (6). Questa soluzione, che nasconde un letto a ribalta apribile con pochi gesti, consente di raddoppiare le sedute nell’angolo conversazione durante il giorno e al tempo stesso di disporre di un letto matrimoniale. Ai lati della struttura, per completare la parete sono previsti due elementi a colonna in parte a giorno, in parte chiusi da ante (7). Da quest’area, attraverso un corridoio dove è stata allestita una cabina armadio (8) e sistemata una cassettiera (9), si raggiunge il bagno che è preceduto da un antibagno attrezzato come prezioso ripostiglio. 

monolocale funzionale arredamento

Da antibagno a ripostiglio

Questo locale, obbligatorio per isolare il vaso igienico dalla zona cottura (in base ai Regolamenti Edilizi, gli ambienti che li ospitano devono essere separati da due porte), si può facilmente adibire a ripostiglio organizzandolo con mobili di profondità ridotta: bastano infatti 35-40 cm per poter sistemare tutto il necessario per le pulizie domestiche, dai secchi alle scope, ai prodotti per l’igiene, all’aspirapolvere.
Negli spazi piccoli può essere necessario ricorrere a soluzioni su misura, ma esistono anche numerose proposte di produzione in una vasta gamma di misure, ccon moduli componibili e non, e in diverse finiture: ottimo il rapporto qualità prezzo della melamina che è anche di facile manutenzione.

Letto a doppio uso 

Anche nelle abitazioni mini un letto in più fa sempre comodo. Così, al posto del tradizionale divano si è scelto un letto tessile in versione dormeuse. Considerato che il piano di seduta corrisponde a quello di riposo (cioè il materasso largo 80 o 90 cm), per utilizzarlo comodamente in versione giorno basta arricchirlo con cuscini d’arredo che ne riducono la profondità. Scegliendoli di diversa forma e misura, si può ottenere un mix esteticamente vincente, anche giocando con i colori e le fantasie dei tessuti. Da considerare per quanto riguarda le forme i cuscini a rullo, perfetti come braccioli. Alcuni modelli  hanno la base che può essere attrezzata con contenitori o con un letto in più.

Letto Space di Noctis

Letto Space di Noctis (www.noctis.it)

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.21 / 5, basato su 14 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!